Final Fantasy XIII – Recensione

SCHEDA GIOCO
TITOLO: Final Fantasy XIII
SVILUPPATORE:
Square-Enix
PUBLISHER: Square-Enix
DATA DI USCITA:
09-03-2010 (Xbox 360, PS3)
LINGUA:
Inglese, sottotitolato in italiano

Non è facile descrivere il XIIIesimo capitolo della celebre saga JRPG, Final Fantasy… Un capitolo annunciato nel lontano E3 2006, che avrebbe dovuto essere uno dei capisaldi del panorama videoludico esclusivo di Sony PlayStation.
Questo XIIIesimo capitolo, sarebbe dovuto essere in grado di spremere a fondo l’hardware dell’ammiraglia Sony, e per mostrarci ciò a cui stavano lavorando, i ragazzi di Square-Enix, rilasciavano trailer dalla qualità a dir poco impressionante.
Nonostante le grandi premesse, e le ancor più grandi aspettative dei fans, Square-Enix, ha ritardato di molto l’annuncio della data di uscita. Questo per via di uno sviluppo non proprio facile del titolo, e soprattutto per aver sconvolto l’utenza videoludica con l’annuncio del passaggio del gioco, a prodotto multipiattaforma.
Ormai giunto nelle nostre console, Final Fantasy XIII è pronto per essere vissuto appieno, e i videgiocatori di tutto il mondo sono pronti per perdersi nelle magiche avventure e nell’immenso mondo fittizio creato dal team giapponese, Square-Enix.
La nuova avventura ha luogo in due regni agli antipodi: Cocoon, regno ipertecnologico, dominato dal commercio e dall’industria avanzata, e Pulse, regno dominato dalla natura selvaggia ed incontaminata infestato da mostruose creature. I due regni sopracitati hanno in comune un solo punto, i Fal’Cie, delle creature divine che hanno il potere di soggiogare gli umani in L’Cie, dotandoli di poteri magici incredibili, ma soggetti anche ad un’oscura maledizione, legata al compimento della loro missione chiamata Focus.
Gli L’Cie che compiranno la loro missione, saranno trasformati in bellissimi cristalli e sarà donata loro la vita eterna, mentre coloro che falliranno, saranno trasformata in delle creature informi ed oscure chiamate Cie’th, che vagheranno senza meta all’interno di Pulse.
I sei protagonisti, diverranno delle vere e proprie minacce agli occhi degli umani di Cocoon, che impegneranno le loro forze armate (Psicom) per debellare la minaccia degli L’Cie, come se fossero una malattia.
In FF-XIII, non esiste un vero e proprio protagonista, i sei eroi sono tutti legati dallo stesso destino, e proseguiranno insieme fino alla fine, per compiere la loro Focus.
Differentemente dai precedenti capitoli, la trama del XIII tratta argomenti più adulti, mettendo in risalto il banale, ma mai stancante tema delle forze del bene contro quelle del male.

GRAFICA: Il titolo si presenta ottimamente, con una realizzazione tecnica estremamente curata. Il talento dei ragazzi di Square-Enix non è mai stato in discussione in ambito grafico, e questo capitolo dimostra che, il team giapponese, sa ancora costruire degli universi che lasciano a bocca aperta chiunque lasci cadere lo sguardo su di essi.
Tutto è estremamente curato e ricco di dettagli, dalle belve di dimensioni apocalittiche, alla realizzazione dei liquidi e degli effetti di luce. Senza contare delle visuali ed alcuni panorami davvero evocativi e incantevoli.
Menzione particolare va fatta per i filmati, eccezionali se realizzati con il motore di gioco, da urlo se realizzati in CG.
Riguardo questi ultimi è doveroso sottolineare come siano stati compressi maggiormente nella versione Xbox 360 del titolo, mettendo in risalto la natura “porting” della versione della console Microsoft.
Altri piccoli difetti qui e la, come un frame rate talvolta ballerino ed alcune textures in low definition, sono compromessi accettabili vista la natura del titolo… Infatti in altri titoli del genere, siamo abituati a bug e glitch di ogni genere, compromettendo l’esperienza di gioco.

SONORO: Il comparto audio coinvolge estremamente, con una serie di effetti speciali da rimanere senza fiato, come se stessimo assistendo ad una proiezione cinematografica, ottima anche la produzione della musiche, come di consueto cariche di magia ed incanto.
Menzione particolare per il tema principale “My Hands” interpretato dalla popstar inglese Leona Lewis, struggente e capace di far provare più di un’emozione nel gran finale del titolo.

GAMEPLAY: Sebbene inizialmente il gioco potrebbe risultare banale e piatto, a lungo andare il nuovo sistema di combattimento risulta essere appagante ed avvincente.
Il nuovo sistema di combattimento, non si basa su di un sistema a turni (differentemente dai precedenti capitoli), ma sull’utilizzo di un’apposita barra denominata ATB (Active Time Battle), composta da massimo 5 segmenti… Ogni mossa, magia od incantesimo sfrutteranno uno o più segmenti di questa barra.
Altro elemento da tenere in considerazione, è la combinazione degli Optimum, e qui viene fuori la vera natura JRPG del titolo.
Ognuno dei 6 protagonisti potrà interpretare differenti ruoli durante la battaglia, che in totale raggiungono il numero di 6.
Attaccante: Esperto di attacchi fisici;
Occultista: Esperto di magie;
Sentinella: Esperto di difesa;
Terapeuta: Esperto di cura e rigenerazione;
Sabotatore: Esperto di status negativi al nemico;
Sinergista: Esperto di status positivi al party.
Starà a noi creare l’optimum adeguato alla battaglia in atto, ed al momento opportuno avere la prontezza per cambiare tattica nel caso in cui l’inerzia del combattimento vari a nostro favore, o a favore del nemico.
Ognuno dei combattenti del party, successivamente potrà essere in grado di evocare il proprio Esper, una creatura che dopo aver testato il nostro valore in battaglia, sarà a disposizione nel momento in cui la barra dei Punti Tecnici (posizionata sotto la barra dei PV) sarà al massimo.
Differentemente dai precedenti capitoli, FF-XIII, risulta essere più lineare e scorrevole. Nei precedenti capitoli, capitava di perdersi in interminabili dialoghi con diversi PNG, o di perdersi in numerose attività secondarie.
In questo XIIIesimo capitolo, saremo impegnati solo sulla nostra strada, saremo impegnati nel fuggire a perdifiato fino alla prossima meta. Ed essendo un gruppo di fuggiaschi, la scelta è stata decisamente azzeccata.
Gli unici obiettivi secondari che potremo portare a termine, saranno delle missioni attivabili tramite dei Cie’th all’ultimo stadio chiamati Omen. Quest’ultimi ci incaricheranno di eliminare un determinato bersaglio, che gli impedisce il tranquillo riposo. Nonostante tutto, non si tratta di attività diverse… Lo scopo sarà sempre quello di eliminare qualunque bestia ci capiterà davanti, e a lungo andare potrebbe risultare ripetitivo.

LONGEVITA’: L’avventura è terminabile in 50-60 ore, una durata buona se si considera gli standard dei GDR, ma soprattutto se si considera anche il fatto che il gioco, è privo di qualunque attività secondaria “mangiatempo”.
Tuttavia, la trama è realmente affascinante ed emozionante, e vi spingerà fino al completamento dell’avventura, per scoprire qual’è il destino ed il ruolo, dei nostri sei protagonisti all’interno del mondo creato dai Fal’Cie…
Il tutto condito da un finale emozionante e commovente, come pochi.
E se durante il finale, non proverete assolutamente nulla… Beh, guardatevi dentro, perché avete qualcosa che non va.

CONCLUSIONE: Nonostante la prima impressione non sia stata delle migliori, alla fine Final Fantasy XIII, ha saputo conquistare grazie alla bellissima trama, ad un gameplay che rappresenta un taglio netto con il passato, ed una caratterizzazione dei personaggi più approfondita che mai.
E’ chiaro il tentativo di Square-Enix di rinnovare un titolo troppo ancorato al sistema dei precedenti… Ma nonostante tutto è riuscita quasi completamente nel suo scopo!
Come sempre, la serie è riuscita a stupire, ma inevitabilmente spacca in due sia critica che pubblico. In altre parole, non ci sono mezzi termini per definire Final Fantasy XIII…
O lo si ama… O lo si odia.

“E’ facile confondersi in un mondo così grande… Ma se non rinunci, troverai di sicuro quello che cerchi… Prima o poi.” 


4 Comments

  1. Avatar fullmetalalchemist25
  2. Avatar Davide
  3. Avatar maidenmaniac
  4. Avatar Davide

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.