In vista di un quasi certo nuovo capitolo della serie, Capcom ha deciso bene di pubblicare su Xbox Live e PSN una collection in HD contenente Night Warriors: Darkstalkers’ Revenge e Darkstalkers 3, pubblicati rispettivamente nel lontano 1995 e 1997. Si tratta di una delle saghe più famose e amate della Software House nipponica, anche se attualmente giace nel dimenticatoio. Vedremo se la riedizione dei due capitoli di Dakstalkers, realizzata da Iron Galaxy Studios (gli stessi del non riuscitissimo Wreckateer e di Marvel vs Capcom Origins), vale la pena di essere giocata.

INTRODUZIONE

Sicuramente stona la presenza del solo terzo capitolo e del remake del primo, in quanto a conti fatti abbiamo tra le mani una serie incompleta, ma è anche vero che a livello di contenuti e sopratutto per il prezzo a cui viene venduto non ci si può lamentare del tutto. Altro difetto che può essere riscontato subito è il roster limitato, quattordici personaggi per il primo capitolo e quattro personaggi in più per Darkstalkers 3. Se paragonato con altri esponenti del genere come Naruto Ultimate Ninja Storm 3 o Street Fighter X Tekken, il roster impallidisce, in quanto i sopracitati picchiaduro offrono più di quaranta personaggi, ma è anche vero che in questo caso è la varietà e la caratterizzazione a costituire il punto di forza; infatti impersonare personaggi come il mitico Jon Talbain, Lord Raptor e Demitri Maximoff è divertentissimo e offre sempre grandi soddisfazioni.

GAMEPLAY

Come praticamente ogni esponente del genere, l’elemento più importante di Darkstalkers è il gameplay. Esso è invecchiato benissimo e si presenta fresco anche nel 2013, in quanto si presenta completo, pieno di combo e incredibilmente tecnico. Padroneggiare ogni personaggio non è un compito semplice e anche se i personaggi più veloci risultano leggermente avvantaggiati, il gioco si presenta piuttosto bilanciato e anche punitivo. Le combo sono davvero numerose e per impararle a memoria dovremo fare una certa pratica; ecco che in aiuto ci giungono le sfide, attraverso le quali imparare le mosse più importanti e complesse. La quantità di contenuti di Darkstalkers Resurrection è davvero enorme, oltre alle già citate sfide, avremo la modalità Arcade, immutata rispetto al passato e dalla durata di 20-30 minuti, il comparto multigiocatore online e in locale, una serie di sbloccabili e l’immancabile tutorial oltre una serie di obiettivi durante la partita. La novità principale è data dal comparto online, il quale sfrutta il middleware GGPO, una caratteristica importantissima e a conti fatti fondamentale, in quanto una piccola incertezza da questo punto di vista può compromettere irreparabilmente una partita. Il netcode, quindi, si dimostra stabile e in grado di offrire un’esperienza priva di frustrazioni. Importantissime sono anche le varie modifiche da poter apportare al gioco, come la possibilità di cambiare visuali, la possibilità di alzare il livello di difficoltà attraverso diversi accorgimenti, per esempio terminare l’intera campagna con una sola vita o la possibilità di scegliere la velocità di gioco tra Standard e Turbo.

GRAFICA E SONORO

Dal punto di vista tecnico non ci si poteva aspettare grandi miracoli ed infatti non si notano grandissimi miglioramenti. Gli stage, le animazioni e i modelli poligonali, seppur pixellosi, risultano piacevoli e possiedono quel tocco “old-style” che fa sempre piacere. Nonostante questo il team di sviluppo avrebbe potuto introdurre ulteriori miglioramenti, rendendo gli stage più definiti o aumentando il numero di dettagli su schermo.  Nulla di eccezionale neanche per quanto riguarda il comparto sonoro, fatto di musiche orecchiabili ed effetti sonori accettabili, ma non “esagerati”.

CONCLUSIONI

Darkstalkers Resurrection si presenta godibilissimo ancora oggi, e pur non essendo per tutti, il gameplay è davvero attuale. Nonostante alcuni scivoloni per quanto riguarda grafica, sonoro e roster, il gioco è consigliato sopratutto a coloro che vogliono (ri)vivere gli anni d’oro di Capcom.

PROCONTRO
– Il gameplay è invecchiato benissimo– Potevano essere introdotti più personaggi
– Tantissimi contenuti– Sonoro decisamente migliorabile
– Ottimo in multiplayer

Grafica: 7

Sonoro: 6,8

Gameplay: 8,5

Longevità: 8

Fan di Halo e PCista, vado matto per il cinema, le serie tv, lo sport, la musica rock anni 60-70, i Simpson e Futurama, Tolkien e Asimov. Amante di natura e animali, spero in futuro di poter lavorare come redattore per un sito videoludico. Per contattarmi: antonio.vitale.95@gmail.com

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up