John Gibson si scaglia contro Call of Duty e l’attuale stato degli shooter multiplayer.

John Gibson, presidente di Tripwire Interactive, sviluppatori di Red Orchestra 2, non è contento dell’attuale stato degli shooter e in particolare ritiene che la causa principale di ciò sia il grandissimo successo di Call of Duty.

Lo ha svelato durante un’intervista per PC Games.

Egli ritiene che il Single Player degli shooter stiano migliorando e che finalmente sia presente sul mercato qualcosa di diverso dei soliti FPS lineari e spettacolari, con un’impostazione da film di Hollywood come Call of Duty. In particolare ritiene che sia ottima la presenza di elementi da GDR. Allo stesso tempo, però, non è contento dello stato attuale degli shooter multiplayer. Infatti mentre era al lavoro per la Action Mode di Red Orchestra 2, alcune persone gli hanno chiesto di far avvicinare il gameplay il più possibile a quello in stile COD. Quindi è arrivato alla conclusione che l’FPS di Activision ha rovinato il mondo degli shooter multiplayer.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.