[In Retro We Trust] Un retrosguardo al futuro

Videogiochi

Chiudendosi questo 2017, ricco di remastered/reboot di un sacco di titoli che hanno fatto grandi le console del passato, mi pare opportuno fare una rapida panoramica di quello che ci attenderà nel 2018.

La prassi ormai consolidata di pescare dal “cestone” dei giochi del passato per riproporli per le console e i PC current-gen ha portato i retrogamers incalliti a gioire dell’uscita di titoli altrimenti solo emulabili o rigiocabili su vecchie console, e ha permesso alle nuove generazioni di gamers di scoprire come si giocava “una volta”.

Ecco quello che ci aspetta nel prossimo futuro:

Shadow of the Colossus (uscita pervista 06/02/2018)

Radiant Historia: Perfect Chronology ( uscita prevista 13/02/2018)

Devil May Cry Collection (uscita prevista 13/03/2018)

Resident Evil 2 Remake (2018)

MediEvil (2018)

Catherine: Full Body (2018)

Nightmare Creatures (2018)

System Shock (2018)

Oltre a questi, ci sono anche un sacco di sequel di giochi che sono da sempre considerati pietre miliari per il mondo videoludico.

Come mi potevo dimenticare del tanto atteso Shenmue III, oppure di Kingdom Hearts III?

Assieme a loro ci saranno anche Red Dead Redemption 2, Crackdown 3 e il reboot di God Of War. Ed ancora Bayonetta 2, Soul Calibour VI e da qualche parte è apparso anche il rumor di una eventuale uscita di Toejam & Earl, un classico per il Megadrive

Quello che mi stupisce favorevolmente è che tutti questi titoli sono stati accolti con grande entusiasmo, quasi più che l’annuncio di una nuova IP. Forse questo sta a significare che la lezione del passato è importante? O forse che nonostante il passare degli anni, dell’evoluzione tecnica sia hardware che software, la giocabilità e l’appeal dei giochi di qualche decade fa ancora appassiona e coinvolge i giocatori di tutte le età?

Non posso dare una risposta a queste domande, perché sarebbe soggettiva. Per me avere la possibilità di rigiocare oppure giocare per la prima volta ad un titolo che è stato pubblicato venti anni fa (o anche di più) è una grande opportunità, perché solo sapendo da dove siamo partiti possiamo apprezzare dove siamo arrivati. Sicuramente queste operazioni di remastered/remake/reboot possono essere viste come una ulteriore fonte di guadagno da parte delle case produttrici, che con un minimo di spesa ottengono risultati economici molto vantaggiosi. Ma alla fine è meglio avere un buon gioco del passato ben (ri)fatto o una deludente IP creata con la fotocopiatrice? Anche in questo caso la risposta spetta ai giocatori, coloro i quali guidano il mercato e possono influenzare anche le scelte delle grandi major del videogioco (vedi le microtransazioni in Star Wars Battlefront II).

Ogni generazione ha avuto i suoi successi e i suoi fallimenti. Alcune volte dei giochi ottimi sono caduti nel dimenticatoio, solo perché usciti in contemporanea con altri che li hanno messi in ombra. La possibilità di poter rispolverare i vecchi archivi, poter rimettere le mani sulle glorie del passato, far emergere da epoche remote dei gioielli per troppo tempo dimenticati, per me è comunque un elemento positivo. I retrogamers puristi sicuramente non amano questo tipo di operazioni, perché sono quelli che hanno ancora tutte le console o i vecchi home computer schierati e pronti all’uso. Ma essi sono una nicchia, perché non tutti hanno la fortuna ( i soldi e il tempo) di poter coltivare questa passione in maniera “dura e pura”. Ma per evolversi bisogna uscire dall’antro del passato e accettare anche le novità, magari cercando di guidare il cambiamento con occhio critico. Ho avuto modo di provare e recensire molti di questi titoli “old style” rimasterizzati e ho sempre cercato di dare la mia opinione con obiettività e continuerò a farlo anche nel futuro, senza cadere nella nostalgia e nella trincea del retro-partigiano!

Continuate quindi seguire questa rubrica e MyReviews per rimanere sempre informati!

Aspettandovi su queste pagine, auguro a tutti voi un 2018 pieno di giochi, vecchi e nuovi!

Digital dreamer, videogames addicted, wannabe Jedi. An old player that is still capable of wonder.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Password Persa

Sign Up

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com