Margherita Buy, eleganza e dolcezza

L'attrice sul blue carpet del Giffoni Film Festival

Cinema Eventi Featured Giffoni Film Festival

“Non fate domande troppo difficili. E’ una cosa per ragazzi, no?” Margherita Buy conquista subito la platea dei giornalisti con il suo porsi agli altri  in bilico tra l’understatement e quello che lei definisce “imbranataggine”. Forse è questa l’interpretazione più vera di se stessa, una splendida attrice che si fa scudo della propria sbadataggine. Ma ci piace così.  “Mia madre – spiega schernendosi – continua ancora a chiedermi come ho fatto a diventare attrice. In realtà il mio carattere mi riporta sempre a me stessa, con tutti i miei disagi, naturalmente, ma mi tiene con i piedi per terra. Poi, finito di lavorare, ricomincia sentirmi una sfigata, ma va benissimo”.

La giacca grigia appoggiata sulle spalle, forse un po’ più magra e sempre molto bella, è arrivata al Giffoni Film Festival portandosi dietro quella sua aria indifesa, quella sua fragilità che subito ispira simpatia.

La mia realizzazione come attrice – spiega ancora pensierosa – è come una barca la cui direzione è determinata dagli incontri, anche dalle circostanze. E tu devi prendere il timone e portarla nella direzione che desideri”.

Pochi mesi fa è uscito nelle sale “Piccoli crimini coniugali”, un film di Alex Infascelli dal bestseller di Éric-Emmanuel Schmitt, dove la Buy duetta con Sergio Castellitto. “E’ stata sicuramente un’esperienza diversa. Chiusa in quella casa tecnologica e modernissima a dirci cose terribili. Adesso mi è venuta una grande di teatro”.

Ai ragazzi che le hanno chiesto cosa si augurasse per i ragazzi di oggi ha una risposta decisa, anche se come sempre arrotondata dalla sua gentilezza e disponibilità: “Spero per loro che vadano al cinema e spengano così per un paio d’ore il cellulare. Cosa che potrebbero fare anche con un libro. Sono spaventati dal mondo in cui vivono, bombardati solo da notizie negative, e il cinema è importante, anche per perdersi in una storia”.

(Foto: Menossi Video Productions)

1 Commento

  1. Gli anni passano anche per lei ma Margherita è sempre meravigliosa e rimane il mio sogno.

    Rispondi

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up