Al Festival di Cannes, una domenica Fortunata… e non solo

Cinema

Una domenica speciale con un red carpet sensazionale, quella di ieri a Cannes. Presente tutto il cast del film Fortunata, diretto da Sergio Castellitto e tratto dal libro della moglie, la grande scrittrice Margaret Mazzantini, che ha curato anche la sceneggiatura del film.

Hanno sfilato il regista, che abbiamo visto nelle sale cinematografiche a fianco di Margherita Buy,   in questo caso come attore, nel film di Alex Infascelli Piccoli crimini coniugali, tratto dal libro di enorme successo scritto da Éric-Emmanuel Schmitt.

Ora Fortunata è nelle sale dal 20 maggio ma qui Castellitto è il regista, anzi, diciamolo pure, il gran-regista.

Il film è stato presentato nella speciale sezione del Festival A Certain Regard, e al fianco del regista c’era tutto il cast del film, in particolare Jasmine Trinca, Stefano Accorsi, Alessandro Borghi,  Edoardo Pesce.

Il film racconta di una parrucchiera che per sopravvivere va a domicilio dei propri clienti con pagamenti irrisori, ma che, come se non bastasse, a casa ha una figlia di 8 anni che soffre di problemi comportamentali. Inoltre l’ex marito, interpretato da Edoardo Pesce, si pone in modo alquanto violento verso di lei..

Nonostante la situazione, Fortunata (Jasmine Trinca) sogna di aprire un negozio, in collaborazione con l’amico tatuatore Chicano (Alessandro Borghi). Ma i problemi familiari si acutizzani e la figlia giunge a comportamenti sempre più aggressivi finchè Fortunata si vede costretta a rivolgersi a uno psicologo, interpretato da Stefano Accorsi.

In realtà anzichè limitare le difficoltà familiari,  il professionista, che ben presto si innamora follemente di Fortunata, giunge a rendere la vita ancora più complicata alla donna.

Nel film è difficile non vedere qualche influsso pasoliniano e ancor di più tante analogie con Non ti muovere, interpretato da Penelope Cruz.

Molto bravi comunque tutti gli attori, e inutile fare i complimenti a Castellitto e ovviamente anche alla moglie, in quanto il film, pur essendo chiaramente drammatico, riesce a mantenere un fil rouge di ironia, più o meno costante che lo arricchisce notevolmente.

Ma sentiamo le parole di Jasmine Trinca:”Sergio mi ha lasciato la libertà di cercare Fortunata dentro di me. Un personaggio senza pudori, senza protezioni, consapevole di essere sbagliata, portatrice di una grande sofferenza cne magari neanche conosce a fondo. La bellezza è la sua voglia di riscattarsi come donna al dilà della sua ovvia ignoranza”.

 

Il film è uscito nelle sale cinematografiche il 20 maggio e ha già  suscitato notevole interesse.

Ieri a Cannes erano poi presenti sul red carpet anche il mitico Dustin Hoffman, Clint Eastwood (per la sua lectio magistralis), Emma Thompson, Louis Garrel (interprete di Le Redoutable, di Michel Hazanavicius, Premio Oscar per The Artist).

Davide Venturini
Comunicazione e informazione soprattutto per Cinema e Spettacolo, ma anche politica, sport e cultura. Si dedica anche alla pittura, con diverse mostre personali. È anche Avvocato nel Tribunale della Sacra Rota (Città del Vaticano) e si occupa di questioni vaticane come giurista. Per contatto: 349-1281303; zeus.dv@libero.it

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up