Crawl – Recensione

Crawl è un roguelike, brawler indie game sviluppato dagli australiani Powerhoof. Il gioco rilasciato su Steam in Early Access per Microsoft Windows, OS X, e Linux nel mese di agosto 2014, è ora disponibile in forma completa per PlayStation 4 e Xbox One.

Eroi o fantasmi?

Crawl è un Multiplayer competitivo locale, fino ad un massimo di 4 giocatori dove qust’ultimi potranno interpretare due ruoli: L’eroe oppure il fantasma. Interpretando il ruolo dell’eroe ci troveremo davanti ad un classico “Dungeon Game” dove esplorare, uccidere mostri e trovare tesori, sarà all’ordine del giorno.
Ma cosa succede quando si interpreterà il ruolo del fantasma? Perché è questo che potrebbe succedere dopo che uno degli altri tre giocatore vi avrà ucciso nella prima stanza del dungeon!
Il gioco, infatti, inizia con uno scontro tra gli eroi, dove l’obbiettivo sarà unico e solo: rimanere in vita. Per quelli di voi che non ce la faranno, sappiate che la vostra avventura sarà appena iniziata perché da fantasmi sarete in grado di impossessarvi di oggetti e di reincarnarvi in mostri per impedire all’eroe di uscire vivo dal labirinto che sarà generato, in modo casuale dal gioco, ad ogni inizio partita.

Il fantasma che per primo riuscirà nell’impresa di uccidere l’eroe, si trasformerà in quest’ultimo provando a scappare e a rimanere in vita. Tutti i personaggi potranno accumulare esperienza: L’eroe la guadagnerà ogni volta che ucciderà un mostro, mentre i fantasmi la guadagneranno ogni volta che riusciranno a danneggiare l’eroe.
Quando un eroe raggiungerà il decimo livello, potrà sfidare il boss finale che sarà controllato a sua volta dagli altri giocatori e, nel caso di riuscita, guadagnarsi il titolo di “boss killer” terminando così la partita.
Durante l’avventura, sarà possibile aggiornare il proprio equipaggiamento, nel caso dell’eroe, o aumentare la forza bruta del vostro mostro, decidendo, ad ogni nuovo livello di esperienza, una nuova evoluzione.

Crawl è un ottimo tributo alla “Arcade Era" grazie alla sua pixel grafica, caratteristica dei mitici Beat 'em up del passato, ed al semplice ed intuitivo sistema di controllo, che ci trasporta nelle ormai nostalgiche sale giochi di un tempo. I controlli, per l'appunto, sono molto semplici e facili da memorizzare e consistono solo in due tasti: uno per l'attacco base e l'altro per quello speciale. Mouse e tastiera sono compatibili, ma il Joistick è sicuramente l’ideale. Attualmente la possibilità di giocare con amici è unicamente locale, ma su Steam gli sviluppatori si sono più volte esposti, dichiarando la loro volontà di ampliare il gameplay alla comunità online.
8
voto
Tags:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.