La natura delle cose, finalista al Doc/it Professional Award

Cinema

La natura delle cose, di Laura Viezzoli, è finalista al Doc/it Professional Award come miglior film documentario dell’anno.

Il docufilm è stato realizzato in un anno di incontri e di dialoghi tra l’autrice e il filosofo malato terminale di Sla Angelo Santagostino, ed è uno dei cinque documentari finalisti al Doc/it Professional Award 2017, premio istituto da Doc/it – Associazione Documentaristi Italiani, per eleggere il miglior documentario dell’anno attraverso una votazione che coinvolge una Academy di tutti i professionisti del settore.

Il film, prodotto da LADOC  con il sostegno di Marche Film Commission-Fondazione Marche Cultura e Milano Film Network, è finalista nella principale categoria Premio Regia-Miglior  Documentario dell’anno  del valore di 1.000 euro.

A ciò vanno aggiunte altre due nomination per il Premio AAMOD – Arvhivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, e il Premio Montaggio, del valore di 500 euro.

Presentato al Festival di Locarno  e vincitore, tra gli altri, del prestigioso premio Corso Salani al Trieste Film Festival, il film esplora un tema di grande attualitå, e cioè l’ascolto del  malato, spesso poco rispettato, tra visibile e invisibile. L’immobilità del corpo è il solo punto di partenza per esplorare la lucida e vivacissima mobilità della mente. Cornice visiva e metaforica di questa particolare esplorazione è lo Spazio, e cioè una dimensione potente e affascinante che consente di vedere oltre l’esteriore immobilità della malattia toccando la bellezza interiore del protagonista.

L’intento filosofico è quello di far dialogare le contraddizioni del progresso facendo toccare e stridere la malattia che paralizza con  la dolcezza del corpo in assenza di gravità, e qui si comprende perchè è stata scelta la vita dell’ astronauta come immagine di trasposizione visiva  delle inquietudini e delle continue trasformazioni che un corpo malato di Sla deve imparare a affrontare.

Anche nella vita degli astronauti  ci troviamo innanzi a missioni estreme,  con persone e corpi la cui vita è resa possibile  esclusivamente dalla tecnologia. Tutto ciö poi conduce a superare se stessi, a realizzare in sogno, ma la malattia, la Sla, costringe invece Angelo a vivere dentro una gabbia, da cui vorrebbe tanto fuggire.

Davide Venturini
Comunicazione e informazione soprattutto per Cinema e Spettacolo, ma anche politica, sport e cultura. Si dedica anche alla pittura, con diverse mostre personali. È anche Avvocato nel Tribunale della Sacra Rota (Città del Vaticano) e si occupa di questioni vaticane come giurista. Per contatto: 349-1281303; [email protected]

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Password Persa

Sign Up

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com