Hitman – Recensione

A poche settimane dalla pubblicazione dell’ultimo episodio, ci ritroviamo ora ad analizzare la versione fisica di Hitman – Stagione 1 che, com’è intuibile, racchiude tutto quello che IO Interactive ha pubblicato fino a oggi a partire dal mese di marzo 2016 (data in cui è stato rilasciato il primo episodio). Riuscirà Hitman a essere oggi, a quasi un anno di distanza dalla prima pubblicazione, un titolo vincente e convincente? Scopritelo nella nostra recensione.

Uno stealth diverso

Partiamo con una premessa dovuta che, forse, per qualcuno potrebbe risultare scontata. Hitman è un titolo stealth diverso dagli altri, fin dalle sue basi: a differenza di titoli del genere come Splinter Cell oppure Metal Gear, nessun capitolo della serie Hitman propone una trama solida ma, al contrario, proietta l’Agente 47 in una serie di missioni senza un solido filo conduttore. Fatta questa premessa, sebbene il titolo in questione non si distacchi dal passato, riesce comunque a segnare una svolta, riuscendo a introdurre una forte componente online capace di tenere incollati allo schermo i giocatori per ore.

Le missioni di cui è composta l’intera storia di Hitman è di sole sei con altrettante ambientazioni che vanno dall’Italia al Giappone passando per Bangok e ciascuna di esse presenta molteplici obbiettivi, primari e secondari, che possono richiedere l’eliminazione di un certo personaggio oppure il recupero di un determinato oggetto. Ogni missione, inoltre, è condita da un cospicuo numero di Contratti, che vi spingeranno a rigiocarla adattando strategie differenti per riuscire a completarli tutti.

Ad allungare notevolmente l’esperienza di gioco ci pensano i Bersagli Elusivi, dei target proposti di volta in volta nel corso dell’anno per un periodo di tempo limitato e con un solo tentativo per essere portato a termine. I Bersagli Elusivi propongono un livello di sfida veramente elevato ed è consigliato affrontarli solo quando si ci sente completamente padroni del sistema di gioco di Hitman e delle caratteristiche offerte. Il gioco, inoltre, introduce la possibilità per i giocatori di creare dei veri e propri contratti da condividere con gli altri possessori del titolo a patto che, prima di essere pubblicati, vengano completati dal creatore per verificarne la fattibilità.

Un gameplay convincente

Vestire i panni dell’Agente 47 è ogni volta emozionante, soprattutto se si considera che questi è diverso dai tanti personaggi che abbiamo incarnato fino a oggi. In Hitman, infatti, il protagonista è dotato della medesima energia dei suoi avversari e basteranno quindi pochi colpi ben assestati per eliminarlo; affrontare, quindi, un combattimento contro più nemici insieme sfruttando l’aplomb di John Rambo non farà altro che causarvi un immediato game-over. Dal canto suo, però, l’Agente 47 è in possesso di alcune abilità fuori dal comune che possono semplificare e rendere agevole il completamento di ciascuna missione. Al di là delle indiscusse doti balistiche, il protagonista può fare affidamento su di un set di armi (come il filo di nylon) e di mosse che gli consentono di mettere KO gli avversari, oppure può travestirsi in svariati modi così da passare inosservato agli occhi dei nemici e intrufolarsi quindi anche in zone altrimenti proibite. Se ai livelli di difficoltà più elementari al giocatore spetta solo la preoccupazione di non farsi beccare durante un omicidio o una manomissione, settando la difficoltà a un livello maggiore la situazione si complica notevolmente dal momento che i nemici saranno più sospettosi e noteranno ogni minimo particolare, anche per quanto riguarda gli oggetti che il protagonista impugnerà nonostante il travestimento e, in caso di discordanza tra le cose (ufficiale marittimo con del veleno in mano per esempio), daranno l’allarme.

In base al numero di sfide completate in ciascuna missione è possibile ottenere un certo quantitativo di punti esperienza, utili a sbloccare delle varianti per la mappa, nuovi gadget oppure travestimenti.

Quel che rende il gameplay di Hitman veramente esclusivo e degno di lodi, è la possibilità di completare la missione in diversi modi poiché, sebbene l’obbiettivo della stessa sia ben preciso, è lasciata al giocatore la decisione del percorso da seguire e della modalità con cui eseguire l’azione richiesta (per esempio nel caso di un omicidio se farlo sembrare un incidente, eseguire un avvelenamento, utilizzare un arma da taglio, etc.).

Alcune piccole aggiunte

A differenza della versione digitale, la versione retail di Hitman offre piccole ma interessanti novità come il un livello di difficoltà professionista (sbloccabile solo dopo avere raggiunto il livello 20 nelle diverse missioni). Altra novità è una nuova missione durante l’episodio Sapienza, che sottolinea ancora una volta la versatilità delle diverse mappe realizzate dagli sviluppatori del gioco. Dal punto di vista tecnico Hitman propone una realizzazione eccellente degli scenari, particolarmente ispirati e con molteplici percorsi seguibili in buona parte delle mappe; meno accurata è invece la realizzazione dei vari NPC e dei nemici che popolano la scena.

Abbiamo notato inoltre che, in alcune situazioni, i nemici vengono allertati da un qualcosa di non meglio definito così da iniziare a fare una caccia spietata al sospettato obbligandovi a dovere rimodulare la strategia e inventarne una nuova. Ottimo il doppiaggio in inglese, ma se fosse stato possibile settarlo anche in italiano Hitman avrebbe avuto sicuramente una marcia in più.

Dopo ore e ore di gioco, possiamo affermare con certezza che il lavoro svolto dagli sviluppatori per la rinascita del marchio Hitman è veramente encomiabile. Nonostante il gioco non poggi le sue basi su di una trama solida o coinvolgente, il gameplay è strutturato così bene da riuscire a non far pesare quest’assenza. Sebbene il numero di missioni principali sia di sole sei, le molteplici missioni secondarie, i Contratti e le missioni create dai giocatori riescono a regalare tantissime ore di divertimento. Ai livelli di difficoltà più elevati, Hitman offre il meglio di sé riuscendo a mettere in difficoltà anche i giocatori più esperti. Da comprare se siete alla ricerca di un titolo stealth puro che non si perde in troppi fronzoli.
9
voto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com