Recensione PES 2013 – Il Ritorno del re?

Il 20 Settembre arriva finalmente sugli scaffali PES 2013, titolo calcistico di Konami sviluppato per Xbox 360, PS3 e PC. L’offerta videoludica è davvero ampia e il titolo offirirà semplici amichevoli, diverse modalità Online, la possibilità di partecipare a competizioni fittizie e su licenza (Champions League e Copa Libertadores) e soprattutto le modalità Diventa un Mito e Master League, vero cuore del gioco.

Sarà riuscito PES 2013 a tornare ai fasti di un tempo e a riprendersi il trono di miglior gioco di calcio? Scopritelo in questa nuova recensione.

Purtroppo bisogna partire con una nota dolente, in quanto il gioco offre un numero molto limitato di squadre con cui giocare e molte di esse saranno senza licenza. Quindi anche quest’anno non ci sono stati diversi miglioramenti sotto questo aspetto, con la presenza di Copa Libertadores e Champions League, ma con la totale assenza della Bundensliga e la sola licenza del Manchester United per quanto riguarda la Premier League. Sicuramente affrontare le  competizioni mondiali più importanti d’Europa con le proprie squadre preferite non potrà che far piacere, ma ci si aspettava un numero decisamente maggiore di team, sopratutto se si pensa che il rivale di sempre, Fifa, aggiunge ogni anno sempre più campionati. Le modalità principali non presentano grandi differenze rispetto alle edizioni passate. La Master League permetterà di affrontare un intero campionato con squadre Europee e Sudamericane e di partecipare alle competizioni principali, il tutto con la costante presenza dello staff, forse troppo invasivo e la cui presenza non sembra essere davvero necessaria. Purtroppo permangono i problemi legati al calcio mercato, che ci terranno fuori dalle trattative, di cui si occuperà lo staff, lasciando a noi il solo compito di mostrarci interessati verso un determinato giocatore. La modalità Diventa un Mito e pressochè identica a PES 2012, dovremo semplicemente creare un giocatore, potenziare le sue caratteristiche principali e cercare di trasferirci verso le principali squadre Europee e perchè no, raggiungere la convocazione in nazionale.

GAMEPLAY

Fulcro del gioco è naturalmente il gameplay ed è proprio sotto questo aspetto che si notano tutti i principali miglioramenti. I tanto odiati binari sono quasi assenti e il giocatore in questo nuovo capitolo della serie avrà molta più libertà,ma per avere una libertà praticamente totale, dovremo per forza allenarci con il passaggio manuale, che permetterà di decidere la direzione del passaggio. Il team di sviluppo, ha infatti inserito l’opzione di poter far apparire su schermo una freccia, che permetterà di indirizzare manualmente il passaggio e di scegliere con assoluta precisione il destinatario, senza incorrere nei fastidiosissimi errori del capitolo precedente; certo da un punto di vista grafico non è proprio il massimo, ma vi assicuriamo che questa nuova feature funziona a dovere. In assenza dei controlli manuali, però, assisteremo in più di una occasione ai già citati binari, con i passaggi che diverse volte avvengono in maniera del tutto casuale e molte volte al destinatario sbagliato. Una delle features più importanti introdotte con questo secondo capitolo è sicuramente la Pro Active AI. In questo modo il team di sviluppo è riuscito a ricreare il metodo di gioco delle squadre più importanti, infatti assisteremo ad un Barcellona incentrato sul possesso palla e ad una Juventus il cui punto di riferimento sarà Andrea Pirlo. E non è tutto, infatti è stata migliorata anche l’inteligenza Artificiale in generale, in quanto assisteremo a continui tagli degli attacanti e sopratutto ad una difesa attenta e reattiva, che almeno a livello di difficoltà Professionista darà seri problemi all’attacco avversario. Stona in questo senso l’IA dei portieri, non sempre convincente. Infatti essi spesso compiranno interventi inspiegabili e faciliteranno non poco il compito degli avversari. Il comportamento dei giocatori più famosi come Messi, Cristiano Ronaldo e Neymar, sarà in questo PES 2013 molto più conincente e questo grazie al Player ID.

Konami è riuscita a ricreare fedelmente i movimenti dei giocatori, che appariranno davvero credibili e realistici. Discorso diverso va fatto per i giocatori meno importanti, che saranno praticamente irriconoscibili, anche per quanto riguarda la modellazione poligonale e afflitti dall’onnipresente effetto robotico.

Per concludere bisogna sottolineare come il gameplay sia ancora una volta focalizzato su un ritmo molto lento e ragionato, ma in alcune occasioni forse queste caratteristiche appariranno in maniera eccessiva.

GRAFICA E SONORO

I limiti più evidenti del gioco si notano nel comparto tecnico. I giocatori più famosi saranno caratterizzati da un’ottima modellazione poligonale e saranno praticamente identici alla controparte reale, mentre i giocatori secondari, come ho già scritto, saranno praticamente irriconoscibili. Non convince per niente, invece, la resa grafica degli stadi, con una texturizzazione bassissima e invariata rispetto a PES 2012 e  con una realizzazione di stadi e pubblico approssimativa, nonostante l’atmosfera di gioco sia davvero coinvolgente. Impressionante, invece, il sonoro, con il commeto delle partite, affidato a Pireluigi Pardo e Luca Marchegiani, davvero eccezionale e caratterizzato da un grandissimo numero di linee di dialogo, sempre adatte ad ogni occasione.

CONCLUSIONI

In conclusione PES 2013 è semplicemente il miglior capitolo della serie di questa generazione.Si tratta comunque di un capitolo di passaggio con ancora diversi limiti, consigliato esclusivamente ai fan della serie, per i quali non sarà difficile farsi piacere questo gioco. Con migliorie al gameplay e sopratutto un nuovo comparto grafico la serie di PES potrebbe davvero tornare a lottare per il trono di miglior gioco di calcio.

PRO:

  • Gameplay migliorato moltissimo
  • Ottimo sonoro
  • Longevità elevata

CONTRO:

  • Tecnicamente arretrato
  • Master League e Diventa un Mito praticamente invariate
  • Rimangono ancora i binari

Grafica: 7

Gameplay: 8.8

Longevità: 8,5

Sonoro: 9

Voto: 8,2

7 Comments

  1. fullmetalalchemist25
  2. maidenmaniac
  3. fullmetalalchemist25
  4. fullmetalalchemist25
  5. maidenmaniac
  6. fullmetalalchemist25
  7. maidenmaniac

Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com