Super Mario Maker per 3DS – Recensione

Featured Recensioni Videogiochi 1.0 Videogiochi

Il sogno segreto di qualsiasi appassionato di videogiochi è sempre stato quello di crearne uno con le proprie mani; naturalmente senza alcune determinate conoscenze tecniche di programmazione, modellazione 3D, eccetera, si può fare ben poco. Questo, fino a quando non sono state inventate delle applicazioni, studiate apposta per venire incontro all’aspirante game designer farcito di fantasia e buona volontà: parlo dei cosiddetti programmi “maker“, semplici, ma potenti editor, pensati per donare allo sviluppatore in erba alcuni strumenti di base, in grado di soddisfare i suoi più reconditi desideri videolucidi. Fra i più famosi, possiamo citare la serie “RPG Maker“, grazie al quale chiunque può creare piccoli giochi di ruolo retro-style, con zero conoscenze di programmazione.

Nessuno, comunque, si sarebbe mai aspettato di vedere una società nota come Nintendo, rilasciare un editor dedicato al suo marchio più di successo, eppure è esattamente quello che è successo l’anno scorso quando, per festeggiare il 30esimo anniversario di Super Mario, la grande N decise di mettere nelle mani degli stessi giocatori, il potere di creare un platformer con protagonista il baffuto idraulico, grazie a “Super Mario Maker” per console Wii U, un potente strumento creativo, grazie al quale chiunque poteva costruire dal nulla i propri personalissimi livelli, distruggendo a piacere i canoni classici finora adottati dai designer ufficiali, trasformando i paesaggi storici di Mario, in paradisi di monete dorate o inferni di 7 Bowser giganti e volanti.

Le possibilità erano davvero infinite, grazie anche ad un solito comparto online che permetteva a chiunque di condividere la propria creazione o di sottoporsi a quelle create da altri giocatori in diverse zone del mondo. L’annuncio di una versione portatile, destinata per console Nintendo 3DS, è stato accolto altrettanto positivamente; con le giuste accortezze, sarebbe potuto diventare un’ulteriore successo, reso ancora migliore dalla comodità offerta dai dispositivi handheld.

Purtroppo, complice un hardware ormai anziano e svariati compromessi, ci troviamo di fronte ad una vera snaturazione dell’originale intento di “Super Mario Maker”, con un’edizione che, seppur salvata in corner da una modalità singleplayer inedita, perde gran parte del suo fascino e del suo potenziale.

Titolo: Super Mario Maker per Nintendo 3DS
Sviluppatore: Nintendo
Publisher: Nintendo
Lingua: Italiano
Piattaforma: 3DS
Prezzo: 39,99 €
Data di Uscita: 2 Dicembre 2016

Corso accelerato in level design

Esattamente come nella versione home console, in “Super Mario Maker per 3DS” vestiremo i panni di un novello architetto videoludico, armato di un potente e funzionale editor di livelli, grazie al quale potremo creare dal nulla numerosi stage, sbizzarrendoci come dei bambini e gettando il senso comune fuori dalla finestra; anche se ci sarà sempre un limite alla quantità di “materiale” che potremo piazzare a schermo, lo stimolo nell’infarcire i nostri livelli con qualcosa di incredibilmente complesso e poco pratico è onnipresente. Tutti gli elementi più iconici della serie di Super Mario sono presenti e pronti ad essere abusati, siano essi Koopa, Categnacci, Cannoni Bill e tanti altri. Inoltre, potremo liberamente scegliere tra i quattro stili grafici presenti, Super Mario Bros, Super Mario Bros 3, Super Mario World e New Super Mario Bros U, anche se, nell’ultimo caso, appaiono evidenti le limitate possibilità grafiche del 3DS, che faticano a mostrare l’immagine nitida di uno stile nato su Wii U; la grafica “U” è anche quella più propensa a fastidiosi rallentamenti, specie nei livelli più caotici, il che rappresenta un vero problema in un titolo platform votato alla precisione di corse e salti.

In ogni caso, non tutti gli elementi che compongono l’editor saranno disponibili all’inizio, in quanto la maggior parte di essi andrà sbloccata, completando i livelli della nuova ed esclusiva modalità singleplayer “Sfida Super Mario” di cui parleremo a breve. Potremo comunque creare fin da subito dei livelli interessanti con i pochi e semplici materiali a nostra disposizione, ma per godere appieno delle reali potenzialità dell’editor e della possibilità di inserire ostacoli più variegati, dovremo obbligatoriamente sbloccarli nella sopracitata sfida, diversamente da quanto accadeva nella versione Wii U, dove nuovi oggetti venivano donati al giocatore in base al tempo trascorso in modalità creazione.

La modalità “Sfida Super Mario” consiste in 100 livelli, 88 “regolari” e 12 speciali, creati direttamente da Nintendo, in parte per dimostrare le potenzialità pazze e senza limiti dell’editor in mano a gente “che ne sa” e in parte per colmare la grande lacuna del titolo, la componente online, ma ne parleremo più avanti. Gli stage che compongono il singleplayer non brillano per complessità o difficoltà, essendo molto brevi e più improntati alla “spettacolarità” e all’occasionale gimmick che ad un granitico level design di qualità: non mancheranno infatti livelli creati apposta per far guadagnare al giocatore un numero spropositato di monete o vite extra, senza alcuna difficoltà, o una fila di stage dove è prevalente la presenza di determinati oggetti o ostacoli, solitamente quelli che verranno sbloccati una volta completato il relativo mondo. Questo rende i livelli molto più affini ad un glorificato tutorial espanso che ad un gioco di Mario a se stante, il che potrebbe far storcere il naso a chi cerca un esperienza di gioco singolo nuda e cruda.

Ciononostante, la modalità Sfida Super Mario risulta comunque divertente e piacevole da giocare, e, seppur il livello di sfida generale non sia molto elevato, ogni stage disporrà di due obiettivi opzionali da completare, di cui uno noto fin dall’inizio e l’altro nascosto, svelato solo una volta superato il primo. Questi obiettivi possono estremamente variare in difficoltà: si passa dai più mondani “Raccogli tot monete” e “Completa il livello in tot secondi”, fino ai più complicati come “Non camminare mai verso sinistra” o “Porta un determinato oggetto fino al traguardo”, garantendo un buon tasso di rigiocabilità per coloro che desiderano completare la sfida al 100%.

Creare i livelli in Super Mario Maker per 3DS e vederli in azione è ancora divertente e appagante

Social No

Una volta creati i propri stage, essi potranno essere condivisi localmente con altri giocatori in connessione wireless, i quali potranno, a loro volta, modificare le vostre creazioni, per realizzare livelli in gruppo. In alternativa è possibile inviare i livelli tramite connessione Streetpass con chiunque incrocerete in giro, oltre, naturalmente, ad acquisire voi stessi quelli da loro condivisi.. Tuttavia, come ben sappiamo, la versione Wii U ci consentiva anche di caricarli sui server online di Nintendo, pronti ad essere scaricati da chiunque in qualsiasi momento. Purtroppo ci duole constatare che questa preziosa funzione è totalmente assente sulla console portatile: le nostre creazioni, infatti, non potranno essere caricate in rete in nessun modo.

Potremo scaricare dai server online dei livelli creati da altre persone, ma essi saranno semplicemente quelli realizzati da chi possiede la versione Wii U e, anche in questo caso, non tutti saranno disponibili al download su portatile: saranno infatti esclusi tutti gli stage che conterranno ad esempio l’elemento Fungo Misterioso che permetteva a Mario di cambiare l’aspetto con un’altro personaggio, solitamente in uno degli amiibo compatibili. Questo perchè la versione 3DS di “Super Mario Maker” non supporta le statuine Nintendo, pertanto quell’oggetto non è presente nemmeno nell’editor, con tutta probabilità per evitare un eccessivo carico di dati. Non sappiamo se la compatibilità Amiibo arriverà con patch future, ma al momento questa opzione ci è totalmente negata.

Ma anche se ci viene data la possibilità di giocare (alcuni) livelli creati su Wii U, essi non potranno essere ricercati singolarmente, tramite i codici corrispettivi che vengono assegnati quando vengono condivisi e il motore di ricerca, se così si può chiamare, ci permetterà solo di dividere i livelli tra le diverse difficoltà, senza ulteriori filtri utili; scordatevi quindi di poter trovare un particolare stage creato dai vostri amici in possesso della versione casalinga, se non affidandovi ad un’incredibile dose di fortuna.

Forse si poteva perdonare a Nintendo l’assenza della condivisione online, comunque mancanza non da poco, ma il non implementare un adeguato motore di ricerca, almeno per scremare ulteriormente quel ristretto campo di livelli a nostra disposizione, è davvero inspiegabile.

Fa il suo ritorno anche la sfida dei 100 Mario nel quale affronteremo stage randomici in sequenza, con 100 vite a disposizione

In Conclusione

Super Mario Maker per 3DS” esiste, siamo felici che esista, ma osservandolo, ci si chiede perchè esista. La bontà del prodotto è indiscutibile, sia per quanto riguarda la potenza e la funzionalità dell’editor, identica alla versione per console casalinghe, sia per la modalità singleplayer “Sfida Super Mario”, decisamente interessante e ricca di livelli, seppur si tratti palesemente un glorificato tutorial. Purtroppo le grandi assenze, come la condivisione online dei livelli creati e le opzioni di ricerca praticamente assenti, gambizzano sul nascere un prodotto che poteva bissare l’eccellenza toccata dalla versione Wii U, con il beneficio aggiunto di poter essere giocato ovunque ci si trovi. Alla fine la scelta dell’acquisto dipenderà dalla vostra situazione personale: se abitate in un luogo dove sarete sicuri di poter sfruttare le funzionalità Streetpass per condividere e acquisire nuovi livelli fanmade, con “Super Mario Maker per Nintendo 3DS” avrete a disposizione tutto quello che vi serve, a tutti gli altri, consigliamo senza ombra di dubbio la ben superiore versione Wii U
.

Tutto ebbe inizio con un Gameboy e Pokémon Blu...Da quel momento, gli RPG sarebbero stati la sua principale fonte di nutrimento. Non disdegna una partitella con esponenti di altri generi videoludici, ma se costretto a scegliere tra fare il soldato nella Seconda Guerra Mondiale, tirare calci di rigore o esplorare dungeons con una spada e una capigliatura improponibile, lui risponderà sempre: "Le ho già comprate le Megapozioni?"

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Password Persa

Sign Up

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com