Skylanders Imaginators – Recensione

Featured Recensioni Videogiochi 1.0 Videogiochi

Da qualche anno, sul fronte videoludico, ha preso piede l’idea di unire l’intrattenimento digitale ad alcuni oggetti reali utili a sbloccare contenuti di gioco; iniziato come un semplice “esperimento”, questa nuova tipologia di videogioco ha conquistato una fetta di mercato sempre più ampia fino a diventare un settore a sé stante (vedi gli Amiibo di Nintendo). Con l’avvento di questa nuova tecnologia, utilizzabile dai grandi e persino dai più piccoli per la sua semplicità, il divertimento della realtà aumentata ha conquistato sempre più videogiocatori, qualsiasi sia la console sul quale viene praticata. Questi nuovi tipi di giocattoli, oltre a fornire un divertimento diverso e unico nel loro genere, sono anche belli da esporre e collezionare con i loro esemplari suddivisi in più categorie, sia per rarità sia per la loro possibilità di sbloccare oggetti di gioco. Oggi vi parlerò di uno di questi titoli che, a differenza di altri, mi ha colpito parecchio. Perciò fate largo all’immaginazione: stiamo per entrare nei mondi di Skylanders Imaginators.

Titolo: Skylanders Imaginators
Sviluppatore: Toys for Bob
Publisher: Activision
Lingua: doppiaggio e sottotitoli Italiano
Piattaforme: Xbox One, PS4, Wii U, Xbox 360, PS3
Prezzo: 80,98 €
Data di Uscita: 13/10/2016

Dall’immaginazione alla realtà

Una volta posizionato il nostro Skylanders, ovvero uno dei pupazzetti o il tubo in dotazione nello Starter Kit, potremo dare inizio al vero e proprio gioco. La storia verrà introdotta da una sequenza video con protagonisti molte delle conoscenze dei precedenti capitoli della serie, come Spyro o Stealth Elf, che dovranno vedersela col già conosciuto cattivone di turno, ovvero Kaos, intenzionato anche stavolta a sconfiggere tutti gli Skylanders e quindi dominare su tutte le Skyland. Questa volta, per aiutare i protagonisti, verranno in loro aiuto delle nuove figure chiamati Skylanders Sensei, leggendari maestri che eccellono per le loro gesta e le loro capacità in particolari dieci discipline e potenti come non mai. Ed è così che inizierà le nostra avventura!

skylanders-imaginators-my-reviews

L’Imaginite è forte in te!

Per iniziare a giocare dovremmo scegliere se usare uno dei Sensei in dotazione o il Cristallo di Creazione, rappresentato da un tubo con all’interno un cristallo colorato, che ci permetterà di creare uno Skylander personalizzato chiamato Imaginator. La creazione è uno dei punti di forza del gioco non solo per la vastità di scelte, ma anche perché permette di modificare l’aspetto del personaggio e il suo equipaggiamento ogni volta che vogliamo, fatta eccezione per il ruolo intrapreso e l’elemento a cui apparterrà, che verrà deciso automaticamente in base al Cristallo di Creazione posizionato sul portale. Per ogni cristallo potremmo creare un solo personaggio che verrà automaticamente salvato e non potrà essere cancellato per far spazio ad un altro suo simile. Una volta fatto ciò potremmo creare il nostro eroe in totale libertà, limitata solo dalla quantità di elementi che sbloccheremo, decidendo la forma e le dimensioni della testa, corpo, braccia, gambe, muscolatura, coda, la colorazione degli occhi, il timbro di voce ed altre caratteristiche ancora per poi passare all’equipaggiamento utile ad aumentare le sue statistiche base. Il discorso cambia invece se sceglierete uno dei Sensei, ovvero le statuette dalle dimensioni diverse rispetto anche a quelle dei vecchi capitoli della serie. Infatti, anche se così facendo aumenteremo il livello limite raggiungibile dai personaggi, dovrete rinunciare a tutti i pezzi d’equipaggiamento che durante il gioco raccoglierete grazie ai forzieri viola, elargiti abbondantemente dopo aver compiuto determinati obiettivi dei livelli. Un’ultima chicca, ideata di sicuro per i fan più nostalgici, è la presenza di Crash Bandicoot e della sua nemesi il Dottor Neo Cortex tra i Sensei del gioco, con un livello a loro dedicato che farà perdere tra i ricordi qualsiasi fan abbia mai provato uno dei vecchi titoli per console old-gen; per giocarci, purtroppo, è necessario acquistare un kit che sbloccherà i personaggi ed il mondo in questione.

skylanders-imaginators-my-reviews

I ritmi di gioco

La grafica di gioco non ha subito modifiche, restando quindi invariata da quella degli episodi precedenti. La modalità di accesso ad ogni livello di gioco è stata modificata, infatti il giocatore, questa volta, potrà selezionare quale livello affrontare salendo su una delle piccole pedane, raggiungibili grazie alla mappa di gioco completamente esplorabile, o come viene chiamata in game M.A.P.P.A. Alcuni di questi livelli, però, potranno essere giocati solo con uno dei Sensei di un elemento particolare e quindi, se puntiamo a completare il gioco al 100%, dovremo acquistare almeno un Sensei per ogni elemento a disposizione. Anche se sono stati aggiunti elementi RPG per rinfrescare il sistema di combattimento, il gameplay per alcuni dei fan della serie potrà sembrare già visto e l’idea di alternare sezioni di lotta con la risoluzione di alcuni rompicapi o minigiochi potrebbe non risultare interessante. I personaggi hanno dei movimenti molto fluidi e le animazioni sono veramente belle da guardare con nessun calo di frame durante la loro esecuzione. Il sonoro che accompagna l’azione di gioco risulta parecchio immersivo per il giocatore e si unisce a un doppiaggio in lingua italiana che viene scandito molto lentamente con uno scorrimento dei testi di pari velocità.

skylanders-imaginators-my-reviews

In Conclusione

Skylanders Imaginators merita tutte le sue lodi possibili, confermando e rispettando le scelte del brand, apprezzato da tutti i fan e non di qualsiasi età. La continua ricerca e l’acquisto di altri Skylanders, siano Sensei o Cristalli della Creazione, riescono a espandere notevolmente l’esperienza di gioco anche se il rischio di spendere molto denaro in questi collezionabili è sempre dietro l’angolo.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up