NBA 2K17 – Il nostro incontro con Danilo Gallinari

C’è molta attesa attorno all’uscita di NBA 2K17, nuovo capitolo della celebre saga videoludica dedicata al basket NBA, ancora una volta sviluppato da 2K Sports e da Visual Concepts. Noi di MyReviews.it siamo stati invitati a partecipare, alla Blasteem Factory di Milano, alla presentazione stampa del gioco in cui ha presenziato un ospite d’onore: l’ala dei Denver Nuggets, Danilo Gallinari. Il campione nostrano sarà infatti la “cover star” di NBA 2K17, un vero orgoglio italiano in giro per il mondo. Scoprite con noi il resconto di una giornata alquanto prolifica.

La sede dell’evento è stata addobbata, per l’occasione, come un vero e proprio campo da basket per far sentire a suo agio il mitico “Gallo” e permettergli di sgranchirsi un pò, facendo due tiri a canestro. La press conference è stata presieduta da Marco Giannatiempo, CEO di Laboratorio Comunicazione, il quale ha fatto gli onori di casa ricordando che NBA 2K17 è stato votato come miglior gioco sportivo alla Gamescom di Colonia, ed ha introdotto Gustavo Provasi e Matteo Tinelli, rispettivamente Band manager e Pr manager di 2K Games Italia, per illustrare tutte le succose novità che ci attendono. Queste le loro dichiarazioni:

“Siamo davvero orgogliosi di quanto realizzato con il capitolo di quest’anno. La Visual Concepts ha letteralmente rivoluzionato il videogame, creando una simulazione sportiva senza precedenti. Il gameplay è particolarmente realistico, a partire dai contrasti fisici dei giocatori e dai rimbalzi della palla, sino ad arrivare al suono prodotto nelle arena e dai tifosi. Sono stati inoltre aggiunti, alle già folte squadre presenti nel gioco, il Dream Team del ’92, il Team Usa 2016 e le 21 squadre dell’Eurolega con l’Olimpia Milano in rappresentanza dell’Italia”.

manager

Parlando di novità, non si può non citare la soundtrack a tema hip-hop, ormai tradizione consolidata per tutti i capitoli videoludici di NBA 2K. Da Jay-Z a Pharrel, passando per Dj Khaled, quest’anno vedremo Drake e tanti altri artisi ma tocca al rapper e cantautore Ghemon portare in alto la bandiera tricolore. Quest’ultimo si è detto entusiasta della sua inclusione nel gioco, affermando di aver appreso soltanto da internet l’ufficialità della notizia e di sentirsi orgoglioso di questo traguardo raggiunto. Ghemon ha poi stretto la mano a Gallinari, dicendo di essere un suo grande fan e del basket NBA in generale.

img_4073

Prima di introdurre Danilo, il brand manager di 2K Games Italia ha concluso il suo intervento dicendo che, per la prima volta da NBA 2K13, è possibile scaricare la demo del gioco e provarlo in anteprima, a grande richiesta dei giocatori. Questi ultimi potranno iniziare le prime ore della modalità carriera e salvare i progressi ottenuti che verranno poi trasferiti nel gioco finale, una volta acquistato. Disponibile anche la rinnovata modalità Pro-Am, con una lista personalizzabile di giocatori, fino a un massimo di 10 elementi.

La parola è poi passata allo special guest della giornata, che si è detto onorato dell’essere in copertina sulla versione italiana del gioco: “Un’emozione bellissima, quasi un sogno. Per me che sono un grande appassionato di videogiochi, fin da piccolo assieme a mio fratello, è davvero un onore. Quando ho saputo la notizia, l’ho riferito prima a lui perchè è il vero esperto in materia, tra noi due, e poi ai miei genitori che mi hanno supportato in questa carriera sin dall’inizio”.

gallo

Gannilari ha poi proseguito, parlando dei suoi idoli e del suo primo impatto con gli States, una volta trasferitosi: “La mia fonte di ispirazione, come tutti sanno, è sempre stata Michael Jordan, per me un vero e proprio idolo sin da bambino. Mio padre, invece, adorava Larry Bird. Poter parlare in famiglia così serenamente della mia passione, ovvero del basket, è sempre stato bellissimo e non finirò mai di ringraziarli per il loro immenso supporto. Traferirsi in America è stata un’impresa dura ma necessaria per la mia crescita professionale. Cultura e regole totalmente differenti rispetto al nostro Paese e che richiedono impegno, sacrifici e spirito di adattamento. Ho avuto i miei alti e bassi, riportando alcuni infortuni, ma non mi sono mai tirato indietro. La parola mollare non esiste nel mio vocabolario e guardo sempre al futuro, a testa alta”.

Al termine della conferenza stampa, i giornalisti in sala hanno potuto testare con mano una demo giocabile di NBA 2K17. Purtroppo non ci è stato possibile riprendere alcun tipo di gameplay, data l’uscita imminente, ma possiamo assicurarvi che, quanto provato, ci è bastato per lasciarci soddisfatti ed attendere con ansia il gioco completo. 2K si è spinta ben oltre le più rosee aspettative, realizzando una simulazione vera e propria che tutti gli appassionati di questo sport non potranno lasciarsi sfuggire.

Vi ricordiamo che l’uscita del gioco è prevista per il prossimo 16 settembre su PC, PS4 e Xbox One.  Oltre alla versione standard, i giocatori potranno acquistare la speciale “Legend Edition” che celebra la carriera del 18 volte NBA All-Star e campione dei Los Angeles Lakers, Kobe Bryant. Quest’ultima, però, sarà disponibile soltanto su console next-gen. In attesa della nostra recensione di NBA 2K17, che non tarderà ad arrivare, vi invitiamo a continuare a seguirci sulle pagine di MyReviews.it.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.