Un posto sicuro, il film di Francesco Ghiaccio, finalmene su Sky – Recensione

Cinema Recensioni 1.0 Recensioni Cinema 1.0

Polvere d’amianto, i tetti di Casale Monferrato, il Po malinconico e invernale e la gente dell’Eternit. Ma non solo. Un posto sicuro, il film di Francesco Ghiaccio ora in programmazione su Sky Primafila  non è solo un film sulla vicenda giudiziaria incredibilmente conlcusasi con la prescrizione dei reati che causarono e continuano a causare centinaia di morti per mesotelioma da amianto. E’ anche un lungometraggio sulla difficoltà di comunicazione tra due generazioni, ed è arduo affermare quale dei due temi sia il vero protagonista della pellicola. L’opera prima di Ghiaccio non ha un taglio documentaristico, è una storia coinvolgente e melanconica che bene si intreccia con i fatti reali e drammatici di Casale. Merito della sceneggiatura scritta dal regista stesso con il protagonista, quel Marco D’Amore che si è fatto conoscere al grande pubblico con il personaggio di Ciro in “Gomorra-La serie”.

un posto sicuro poster

Qui la sua recitazione è più intima, e del napoletano rimane solo una impercettibile inflessione utile a spiegare la storia della famiglia, quando emigrare al Nord per lavorare all’Eternit era un privilegio, o, come racconta il padre Eduardo al figlio Luca (non sembrano scelti a caso questi nomi), la promessa di “un posto  sicuro ”. Sicuro come la gente di Casale vorrebbe che fosse ora la sua città dopo la bonifica, e come desidererebbe essere il Paese tutto.

Luca sognava di fare l’attore, ma è rimasto un mesto clown di provincia che si trascina da una festa all’altra con un’unica amica, la bottiglia. Finché non trova l’amore proprio durante una delle sue esibizioni da pagliaccio emulo di Totò, ma non potrà viverlo senza aver prima risolto il nodo della sua anima e ritrovato il rapporto con il padre. L’anziano Eduardo è ormai prossimo alla fine, il mesotelioma pleurico provocato da una vita di lavoro tra le polveri di amianto gli lascerà solo il tempo di ritrovare il figlio e di aiutarlo a ricostruirsi la possibilità di un futuro.

C’è tanto in  questo film. Ci sono la rabbia dignitosa dei casalesi che per anni hanno chiesto invano giustizia, tre caratteri uniti da un filo complesso, una vicenda dolorosa narrata con pudore. C’è l’insanabile incompatibilità dell’economia attuale tra salute e diritto al lavoro. E ancora, tra salute e avidità.

Dopo un percorso durato due anni, dalla progettazione alla lavorazione, alla lunga trafila d’incontri in giro per l’Italia, “Un posto sicuro ” è arrivato sugli schermi di Sky. E per il regista Francesco Ghiaccio “è come se per la prima volta il film fosse davvero di tutti”.

 

Scheda film

Titolo: Un posto sicuro
Regia: Francesco Ghiaccio
Cast: Marco D’Amore, Giorgio Colangeli, Matilde Gioli
Genere: Drammatico
Durata: 102′
Produzione: La piccola società, Indiana Production
Distribuzione: Parthénos
Nazione: Italia
Uscita: 03/12/15

1 Commento

  1. Ho avuto finalmente modo di vedere UN POSTO SICURO in una proiezione ad Alessandria. Mi ha commosso, non solo perché è un bel film, ma anche perché riconoscere luoghi a me noti mi ha fatto vivere questa storia italiana ancora di più sulla pelle

    Rispondi

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up