Batman – The Telltale Series Ep. 1 – Recensione

Recensioni Videogiochi 1.0 Videogiochi

Bisogna ammetterlo: Telltale trasforma in oro tutto ciò che tocca. La celebre software house californiana nel corso degli anni è riuscita a creare storie sensazionali su marchi importanti come The Walking Dead, Ritorno al Futuro e Games of Thrones.
In attesa di pubblicare la terza stagione di The Walking Dead, Telltale Games ha deciso di lanciarsi in un nuovo racconto che riguarda nientepopodimeno che Batman, il celebre cavaliere oscuro. Esperimento riuscito? Scopriamolo insieme!

Titolo: Batman – The Telltale Series ep.1 Realm of Shadows
Sviluppatore: Telltale
Publisher: Telltale
Lingua: Doppiaggio e sottotitoli in Inglese
Piattaforme: PlayStation 4, Xbox One, Android, iOS, Microsoft Windows, PlayStation 3, Xbox 360, Mac OS
Prezzo: 29,90 euro
Data di uscita: 02/08/2016

Un universo infinito

I fan accaniti di Batman (come il sottoscritto) converranno sul fatto che l’universo dell’uomo pipistrello è di dimensioni spropositate poiché, nel corso degli anni, numerosi scrittori hanno scritto e realizzato “universi paralleli” in cui Batman ha mostrato diverse personalità, da quella più mite e ponderata a quella violenta che non disdegna l’uso delle armi.
Forte della sua vena creativa, Telltale ha ben pensato di realizzare una nuova storia legata al mondo di Batman, infarcendola di personaggi più o meno noti alla maggior parte del pubblico. La storia in questione non ha alcun legame con quelle lette in precedenza ed è godibile anche se non si conoscono tutti i personaggi che ne fanno parte.
Senza divulgare dettagli troppi sulla trama, in Batman – The Telltale Series vestiremo i panni di un giovane Bruce Wayne impegnato nel supportare la campagna elettorale dell’amico Harvey Dent. Com’è ben noto però, politica e criminalità spesso vanno a braccetto e pertanto non ci vorrà troppo prima che la situazione evolva in negativo coinvolgendo inevitabilmente Bruce e il suo alter-ego Batman.
In questo primo episodio della serie (cinque in totale) denominato Realm of Shadows i giocatori passeranno la maggior parte del tempo vestendo i panni di Bruce Wayne, curando le sue relazioni con la stampa e con alcuni ricchi cittadini di Gotham attraverso l’oramai consueto sistema di botta e risposta con influenze sugli sviluppi della trama tipico dei titoli sviluppati da Telltale.

batman-telltale-batmobile

QTE, QTE ovunque…

Ovviamente non mancano in Batman – The Telltale Series delle sessioni in cui vestiremo i panni del Cavaliere Oscuro, anche se in chiave un po’ diversa da quelle che siamo solite vedere negli altri titoli (per esempio nella saga prodotta da Rocksteady).
Oltre alle sessioni di combattimento contro i vari nemici in cui saremo guidati attraverso una serie di QTE (Quick Time Events), questa volta avremo il compito di indagare sugli indizi presenti nelle diverse scene del crimine, collegando per esempio oggetti a cadaveri, per capire la dinamica degli eventi. Unico neo che abbiamo rilevato nel sistema di gioco di Batman – The Telltale Series è l’impossibilità di fallire durante le QTE; negli altri titoli Telltale, per esempio, sbagliare direzione o il pulsante da premere portava spesso verso il gameover o almeno la morte del personaggio, ma in Batman – The Telltale Series sbagliare un QTE non comporterà grossi cambiamenti sul continuo della storia e non provocherà quasi mai la morte del personaggio.
Come annunciato in precedenza dagli sviluppatori, Batman – The Telltale Series introduce l’innovativa modalità di gioco “Crowd Play” attraverso cui è possibile coinvolgere altri giocatori nelle scelte da eseguire attraverso una sorta di sistema di voto; è lasciata poi al giocatore la scelta se far condizionare automaticamente la storia dai voti ricevuti oppure se lasciare che questi siano solo una opinione e quindi procedere come meglio si crede.

batman-telltale-bruce

Tecnicamente sopraffino

Dal punto di vista tecnico Batman – The Telltale Series taglia nettamente col passato facendo quel salto di qualità di cui Telltale aveva bisogno. Nonostante il non-abbandono della tecnologia del cel-shading, la veste grafica presenta questa volta modelli più definiti e cupi che riescono a trasmettere le stesse sensazioni che si provano guardando uno dei film della trilogia di Nolan. Ottima realizzazione è anche quella delle animazioni dei personaggi e dei vari effetti speciali disseminati nei vari scenari. Saltuariamente abbiamo rilevato alcuni rallentamenti nel passaggio tra una scena e l’altra, ma questa è una caratteristica dei titoli Telltale a cui siamo da tempo abituati.
Per quanto riguarda il sonoro vi segnaliamo ancora una volta la presenza di un doppiaggio completamente in lingua inglese unito a sottotitoli nella stessa lingua. Le diverse sessioni di gioco sono inoltre accompagnate una colonna sonora con brani che riescono a sposarsi alla perfezione con l’azione di gioco.

batman-telltale-bruce-wayne

In (quasi) Conclusione

Siamo rimasti piacevolmente colpiti da Batman – The Telltale Series e lo scetticismo iniziale riguardante il binomio Batman-avventura grafica è presto sparito. Il fatto di essere stato rilasciato nel mese di agosto potrebbe far apparire Batman – The Telltale Series come un titolo di serie b, un prodotto che va ignorato. E invece no. L’ultimo lavoro di Telltale ha tutte le potenzialità per diventare uno dei migliori lavori della software house statunitense che non può non avere l’approvazione da parte di tutti i fan del Cavaliere Oscuro. Realm of Shadows inizia lento, presenta i personaggi, fa capire cosa voglia dire vivere a Gotham per poi prendere improvvisamente un accelerata  fino al finale che lascia col fiato sospeso e con la curiosità di sapere cosa accade dopo.
Dare un voto finale, così, a una serie appena iniziata sarebbe ingiusto: preferiamo attendere l’uscita di tutti i capitoli per dare un giudizio definitivo.

 

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up