Fabio De Caro: Malamore cattivo? Ma stiamo scherzando?

Cinema Giffoni Film Festival Interviste

La seconda stagione di “Gomorra – La serie” si chiude con il fedelissimo Malamore, interpretato da Fabio De Caro, che cerca disperatamente di soccorrere il suo boss, Don Pietro Savastano.  All’attore, in realtà acclamatissimo dal pubblico della serie televisiva, è toccato recitare una delle scene più orribili e scioccanti di Gomorra.  Alcuni spettatori, forse i nipotini di quelli che una volta, dopo aver visto una sceneggiata,  aspettavano gli attori fuori dal teatro e menavano il cattivo, hanno reagito male. Fabio De Caro è stato insultato sui social, è risaputo, dalle anime semplici che hanno confuso l’attore con il suo ruolo. Ora tutto questo è solo un brutto ricordo, e anzi, durante la conferenza stampa al Giffoni Film Festival una signora ha chiesto scusa a Fabio De Caro per quella miserrima reazione dei fan di Gomorra.

Molto disponibile, lascia intuire una sensibilità e un calore umano che certo non appartengono al suo personaggio.

de caro3

Foto di B&B EPOCA

Qual è stato l’impatto con il territorio e con la gente di  Scampia, Secondigliano e degli altri quartieri napoletani in cui è ambientata la serie?

Quando giravamo la prima stagione non ci conosceva nessuno. Sul set ce ne stavamo belli tranquilli e la gente che passava ci chiedeva: “Boh, e chi è questo?, poi prendeva e se andava. Per la seconda stagione, invece, quando arrivavamo sul set c’erano già mille – duemila persone ad aspettarci, e ci volevano ringraziare!

Era in fondo cronaca di un successo annunciato… Secondo te il nostro Paese era preparato a un prodotto di questo genere?

No. Credo che “Gomorra – La serie” sia un prodotto più adatto all’estero. Non tutti gli italiani sono pronti. I ragazzi che guardano le serie americane non  si scandalizzano, ma capisco bene che quando una casalinga accende il televisore e vede “Gomorra” è tentata di chiamare subito i carabinieri!

Accade perché non siamo abituati a questo realismo?

Le persone si trovano in difficoltà, non sono avvezze a questo tipo di linguaggio. Capisco che dopo una giornata di lavoro, dopo i litigi per la strada, i problemi con i dirigenti e tutto il resto chi torna a casa e accende il televisore vuole avere un messaggio positivo, vuole vedere il prete e i politici buoni, il medico che salava la vita di tutti e non chiede soldi. Poi si torna nella realtà, e non mi sembra che la realtà si avvicini tanto a quello che ci viene proposto normalmente dalla tivù.

Si tratta di un altro tipo di linguaggio?

Esattamente. Noi non raccontiamo storie lontane dalla realtà, e il problema è, come dice lo scrittore Roberto Saviano, che quando tu racconti il male diventi tu stesso il male.

gomorra

Foto di B&B EPOCA

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up