Quando sentiamo parlare di Insomniac Games, i primi titoli che risalgono dalle profondità della nostra memoria sono senza alcun dubbio Spyro e Ratchet & Clank. Tuttavia la software house americana non è conosciuta solo ed esclusivamente per queste due importanti saghe che hanno fatto la storia del gaming sulle console di casa Sony: infatti, Insomniac Games, nel corso degli anni, ha investito le proprie forze su progetti che non hanno niente a che vedere con i titoli citati poc’anzi, ma allo stesso tempo sono riusciti ad avere grande successo di pubblico e di critica.

In questo particolare caso ci riferiamo a Song of the Deep, un titolo che è possibile classificare nel sottogenere dell’action adventure conosciuto come Metroidvania. Il gioco è disponibile su PC, PS4 e Xbox One dal 12 Luglio 2016, ed è sviluppato da Insomniac Games e prodotto da GameTrust Games.

Song of the Deep è un titolo molto affascinante, con una narrativa di alto livello, ambientazioni suggestive e una colonna sonora curata e coinvolgente.

Titolo: Song of the Deep
Sviluppatore: Insomniac Games
Publisher: GameTrust Games
Lingua: Inglese, sottotitolato in italiano
Piattaforme: Ps4, Xbox One e PC
Data di Uscita: 12 Luglio 2016

Nelle profondità dell’oceano

Merryn è una giovane ragazza di 12 anni che vive insieme al padre, un pescatore che viaggia per mare sopra la sua imbarcazione. Merryin adora suo padre, e ama quando le racconta le storie e i misteri sulle profondità dell’oceano, tra creature fantastiche, tesori nascosti e avvincenti leggende.

Un giorno, sfortunatamente, il padre scompare durante uno dei suoi lunghi viaggi per mare. Merryn, preoccupatissima per la vita del padre, la notte della scomparsa ha una visione che le mostra il proprio padre intrappolato sul fondo del mare. Dopo aver avuto questa vivida visione, la giovane ragazza si convince di volere andare a salvare colui che ama più di ogni altra cosa al mondo.

La giovane ed improvvisata eroina costruisce un sottomarino con alcune parti di nave che trova sulla spiaggia e decide di partire alla ricerca del padre perduto nelle profondità dell’abisso. Da questo momento inizia un suggestivo viaggio che porterà la giovane Merryn a incontrare nuovi amici, scoprire rovine perdute e civiltà di cui aveva sentito parlare solo nei racconti di suo padre.

L’abisso è profondo e ricco di strani incontri e pericolose creature, ma l’intelligenza, l’astuzia e il coraggio di Merryn, aiuteranno una figlia devota a trovare il proprio padre e a superare le avversità che le riserverà l’oscuro oceano.

song of the deep

Nel blu dipinto di blu

Se dal punto di vista della trama Song of the Deep ci ricorda le entusiasmanti e misteriose storie che i nostri genitori ci raccontavano quando eravamo bambini, per quanto riguarda il gameplay, il titolo di Insomniac Games propone un’avventura in stile Metroidvania durante la quale, a bordo di un sottomarino, nei panni della giovane Merryn, dovremo esplorare le profondità dell’oceano alla ricerca di nostro padre. Esplorare questo mondo subacqueo ci permetterà fin dai primi momenti di comprendere che la mappa di gioco non è per niente lineare come potrebbe sembrare: sebbene il gioco offra una visuale a scorrimento laterale, la vastità delle ambientazioni ci lascerà storditi. Ogni anfratto, ogni cunicolo, dalle rovine di un antica civiltà fino a rigogliosi giardini sottomarini, riserverà agli avventurieri più sbadati, bruttissime sorprese.

Durante il nostro viaggio, infatti, incontreremo diverse creature marine, alcune amichevoli, altre un po’ meno: le prime, a seconda del loro ruolo all’interno del gioco, potranno aiutarci a superare ostacoli altrimenti insuperabili, oppure avranno la funzione di negozianti, permettendoci di acquistare upgrade per il nostro sottomarino, così da renderlo più resistente. Su questo torneremo fra poco. Le creature poco amichevoli, al contrario, cercheranno in tutti i modi di ostacolarci, attaccandoci con i loro moveset di abilità, e impegnandoci in scontri molto spesso ardui: meduse, pesci e mostruosità degli abissi, ogni nemico avrà a disposizione abilità diverse, capaci di farci sudare la vittoria.

Tornando agli upgrade, grazie alle monete che raccoglieremo sul nostro percorso o dopo aver ucciso i nostri nemici, potremo potenziare il sottomarino: ogni potenziamento andrà a migliorare vertiginosamente le capacità di quest’ultimo, così che sia possibile muoversi con maggiore libertà tra i vari ostacoli. Sarà possibile potenziare il braccio meccanico per prendere gli oggetti, oppure il motore, il quale ci garantirà maggiore velocità di movimento per più tempo. Ovviamente le migliorie non finiscono qui, infatti durante l’esplorazione è possibile trovare delle componenti, sparse per la mappa, che aumentano la robustezza del nostro veicolo, e di conseguenza anche la vita.

Potenziare il sottomarino sarà la chiave per poter avanzare senza rischi in un mondo subacqueo ricco di pericoli e molto spesso labirintico. La mappa di gioco, che ad una prima occhiata potrebbe sembrare piccola, è in realtà molto ampia e variegata, con vicoli ciechi, trappole, e scorciatoie che sono accessibili solo dopo aver risolto alcuni puzzle ambientali.

Song of the Deep, per quanto molto semplice in tutte le sue meccaniche, propone un gameplay profondo, che offre tutto quello che si può desiderare da un titolo “Indie”: ottima narrativa, gameplay strutturato, puzzle ambientali e scontri con boss e nemici di vario tipo da non sottovalutare.song of the deep

La canzone del mare

Tecnicamente parlando, Song of the Deep è un prodotto piacevole, soprattutto grazie all’ottimo lavoro svolto sulle ambientazioni. Sebbene tutta la nostra avventura si svolga in acqua, nelle profondità dell’oceano, gli sviluppatori sono riusciti a proporre scenari sempre diversi e ben caratterizzati: fondali ricchi di vegetazione, grotte oscure e città sottomarine perdute nel tempo, ogni ambientazione lascia il giocatore stupefatto, grazie a disegni curati nei minimi dettagli e ad un utilizzo dei colori eccellente. A proposito dei colori, nonostante la presenza costante e incessante di acqua, con la predominanza del colore blu, i ragazzi di Insomniac Games sono riusciti a far risaltare la palette dei colori, sfruttando il contrasto tra i colori più caldi delle creature che popolano l’abisso e il freddo blu dell’oceano.

Come detto sopra, la narrativa è una componente importantissima in Song of the Deep, ma ci teniamo a sottolineare che non sarebbe stata di così alto livello senza la giusta colonna sonora. Song of the Deep ammalia il giocatore con tracce audio incredibili ed immersive, che accompagnano il giocatore per tutta l’avventura subacquea. Composta da Jonathan Wandag, la colonna sonora riesce perfettamente ad amalgamarsi con la qualità del comparto artistico, formando un connubio perfetto di colori e  melodie.song of the deep

Conclusioni

Song of the Deep è un prodotto estremamente affascinante. Oltre a proporre una storia che ricorda vecchie leggende e miti provenienti dalla mitologia nordica, il titolo di Insomniac Games riesce ad ammaliare il giocatore grazie ad ambientazioni ben caratterizzate e curate, sia per quanto riguarda i disegni, sia per l’ottimo utilizzo dei colori e del chiaroscuro.
Dal punto di vista del gameplay, sebbene il gioco sia essenzialmente un avventura a scorrimento laterale, essa offre tutto quello che si possa desiderare da un titolo “indipendente”: upgrade per il proprio veicolo, puzzle ambientali e oggetti e tesori nascosti.
Nota positiva per la colonna sonora, la quale riesce a colpire al cuore il giocatore, con tracce degne di nota e che ben si sposano con le ambientazioni e con l’ottima narrativa di Song of the Deep.
Consigliato a tutti gli amanti delle storie avvincenti e ricche di emozioni.

Francesco warfra Lorenzoni

Un ragazzo come tanti che vuole trasformare le sue passioni in un lavoro.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up