Recensioni

Recensione: The Amazing Spider-Man

Il 2012 è stato l’anno dei film dei supereroi. Alcuni possono non essere stati all’altezza come altri (ad esempio Ghost Rider), mentre altri sono stati a dir poco epici, vedi Il Cavaliere Oscuro il Ritorno e The Avengers, ma un volto familiare ha fatto il suo ritorno sul grande schermo. Sì, Spider-Man è tornato, il nuovo film ha avuto molte critiche favorevoli, ma il gioco sarà all’altezza delle aspettative?

Iniziamo questa recensione onestamente. I tie-in Gioco/Film sono in genere troppo pubblicizzati, e non vivono a lungo nella memoria dei giocatori. Concentrandosi solo sulla Marvel, ci sono stati giochi basati su Wolverine , Spider-Man , Hulk , Thor , Iron Man e Capitan America, ma sinceramente, l’unico che potrebbe essere classificato come qualcosa di superiore alla media è X-Men Origins: Wolverine.

Tuttavia, i giochi di Spider-Man non sono basati sui film e sono in realtà piuttosto divertenti, belle storie, e una galleria eccellente di cattivi al seguito. Possiamo dire che i giochi di Spider-Man quasi si scrivano da soli, partendo dall’eccellente  gioco “The Amazing Spider-Man”, del 1994 per Game Boy, a “Spider-Man” per N64 e Playstation del 2000. Ci sono stati tanti giochi del nostro supereroe, tutti godibili, ma sono stati gli sviluppatori di Beenox ad aver prodotto uno dei migliori giochi di Spider-Man, “Shattered Dimensions”, ed ora ci propongono il loro nuovo lavoro.

Andiamo con ordine. Il gioco è ambientato dopo gli eventi del film ed inizia con Peter e Gwen che si intrufolano nella Oscorp Tower poiché la ragazza sospetta che nell’edificio si stiano proseguendo gli esperimenti che hanno tramutato il dr. Curt Connors in Lizard. Qui, Gwen e Peter incontrano Alistaire Smythe, nuova punta di diamante della Oscorp, che li guiderà in un tour della struttura. Durante il tour, un “ibrido”, Scorpione, reagisce al sangue di ragno di Peter e riesce a liberarsi creando una reazione a catena che libererà tutti gli ibridi rinchiusi nella Oscorp. Proprio questi, impazziti, inizieranno ad infettare un gran numero di persone, compresa Gwen, innestando un terribile virus per tutta Manhattan. A Peter non rimane che un’unica possibilità, far evadere il Dr. Connors dal manicomio di Beloit in cui lui stesso lo aveva rinchiuso; Connors è infatti l’unico a possedere le conoscenze necessarie per la creazione di un antidoto.

The Amazing Spider-Man, rispetto al gioco precedente è tornato ad una struttura free-roaming, dando al giocatore la possibilità di girovagare per Manhattan, quest’ultima interamente esplorabile. Paragonandolo ad altri titoli potremmo dire sia quasi alla pari con GTA4, certo la cura dei dettagli non è al massimo, molti edifici si ripetono, e alcuni dei luoghi della storia principale hanno un design più curato rispetto alle aree meno importanti. Questa non è una critica, ma solo un dato di fatto.

Per le strade di Manhattan troveremo, poi, i pedoni, intenti nei loro affari, che ogni tanto si fermeranno per incoraggiare il nostro supereroe, anche se il giocatore raramente li vedrà, poichè la maggior parte del tempo sarà occupato ad oscillare tra i grattacieli. Tenendo premuto il grilletto destro Spider-Man oscillerà tra i grattacieli tramite le sue ragnatele, una delle caratteristiche immediatamente riconoscibili, ed è qui che l’esperienza di Beenox inizia davvero a farsi sentire. Il personaggio, infatti, non è mai rigido nei movimenti e risponde correttamente ai comandi. Inoltre è stata aggiunta una modalità chiamata “Web Rush” che permetterà al giocatore di rallentare il tempo e con una visuale in prima persona di direzionare, a 360°, lo spostamento dell’Uomo Ragno verso un obiettivo preciso. Questo ci permetterà di raggiungere più velocemente e in modo preciso alcuni punti della città anche quelli difficilmente accessibili.

Il sistema di combattimento, rispetto ai giochi precedenti, è migliorato, ed è molto simile al sistema utilizzato nei giochi Batman: Arkham Asylum e Batman: Arkham City. Delle linee, “Spider-Sense”, lampeggeranno sopra la testa di Spider-Man quando un attacco è in arrivo, e si potranno evitare premendo Y. X è, invece, il pulsante di attacco, mentre con B si potranno sfoderare degli attacchi speciali attivabili, però, ottenendo delle combo abbastanza alte. Durante i combattimenti, il nostro personaggio farà sfoggio di mosse tipiche dei fumetti e cartoni animati, e alcuni scontri saranno caratterizzati anche da eventi in quick-time, perfettamente integrati, e che aggiungeranno un plus al divertimento.

La mancanza di una vera e propria storia potrebbe far storcere il naso ai fan del fumetto, ma i tanti extra presenti nel gioco non lo faranno. Infatti saranno presenti tanti collezzionabili ed elementi da sbloccare, inclusi i costumi alternativi come quello di Spider-Man ibrido, Scarlet Spider (2012), Future Foundation, Costume nero (dal film del 2007) e tanti altri. Tra gli oggetti da trovare avremo poi concept art e fumetti che potranno essere letti accedendo al menù.

In conclusione, The Amazing Spider-Man è un buon tentativo nel panorama dei tie-in, un gioco solido e divertente, anche se un pò facile e carente nella storia, ma dopo l’uscita dei giochi di Batman chi non lo è?! Non è il miglior gioco di supereroi, ma, molto probabilmente alla pari con Shattered Dimensions come miglior gioco di Spider-Man.

Mostra tutto
Back to top button