Mirror’s Edge Catalyst – Anteprima

Nessuno può dimenticare come quel titolo di nicchia che uscì per la scorsa generazione riuscì a conquistare il cuore da videogiocatore di pochi eletti. Quest’anno, dopo tanta – forse anche troppa – attesa, finalmente abbiamo potuto tastare con mano il nuovo prodotto di DICE nonché reboot della saga. Nonostante si tratti di un nuovo inizio per la saga, il titolo non ha abbandonato quella natura frenetica che lo caratterizzava, tra salti e acrobazie spettacolari e spericolate, durante una fuga o una normale passeggiata per la città. La libertà dell’esplorazione rende il giocatore un essere libero, non vincolato da limiti inutili posti dallo sviluppatore, fondendo il tutto con una componente che lascia poco respiro nei movimenti e che rende il tutto molto più adrenalinico e entusiasmante.

mirrors-edge-catalyst-faith

La redenzione di un Runner

Anche in questo capitolo vestiremo i panni della Runner di nome Faith, un’orfana cresciuta da Noah, il capo del gruppo. I genitori infatti sono stati eliminati durante una sommossa che sosteneva la dittatura, chiunque si opponeva era una minaccia da estirpare. Tutto questo porta la nostra eroina alla redenzione, seppur in maniera meno violenta di come accade in altri titoli. La città è controllata dal tiranno Gabriel Kruger, che ormai da diverso tempo regna sulla città di Glass. Probabilmente i runner sono l’aspetto più importante della narrazione, dato che è la fazione a cui appartiene Faith, e dove quest’ultima ha sviluppato diversi legami. La Beta da noi provata inizia con una sequenza che vede la giovane ragazza in una cella, pronta al suo imminente rilascio. Una volta liberi, incontreremo Icarus, un giovane Runner che ha il compito di scortarci verso la base del nostro team e verso il nostro “amato” mentore. Il punto forte di questa versione di prova è sicuramente il contenuto tecnico, che ci lancia in alcune sezioni veramente succulente, tra duelli e corse mozzafiato. Per chi non lo sapesse, in questo capitolo è stato introdotto una Feature chiamata Visione del Runner, che ci indica oltre con il colore rosso il percorso, e la direzione dal quale prendere l’ostacolo per raggiungere il nostro obiettivo, in modo da non finire fuori strada. Dal nostro canto possiamo dire che è una Feature discutibile, dato che senza la Visione del Runner si ha un esperienza molto più libera e appagante, senza dover essere imboccati forzatamente dal gioco per poter proseguire verso il nostro obiettivo. Siamo felici che in questo Mirror’s Edge le fughe e le azioni normali sono state rese molto più frenetiche, dato che rendono l’esperienza molto più appagante e spettacolare. Per chi non lo sapesse, in questo nuovo titolo la nostra protagonista non può impugnare le bocche da fuoco, nonostante i nemici possono, ma in compenso vi è presente un sistema di combattimento eccellente, che rende l’azione molto più dinamica e che spinge il giocatore a creare situazioni nuove, in base all’approccio con il tipo di nemico nel quale ci si imbatte nel percorso. Oltre ai normali colpi, sarà possibile sferrarne alcuni che possono spostare e far perdere l’equilibrio al nemico, spingendolo verso un ostacolo o un compagno. Ovviamente non potevano mancare i colpi in aria, ormai onnipresenti su quasi tutti i titoli dove il fulcro del sistema di battaglia è il corpo a corpo, inoltre, questi sono molto utili nelle situazioni di fuga dove il nemico è situato sotto di noi. Nonostante, dopo qualche oretta, si prenda dimestichezza con i comandi, non sempre il proseguimento sarà facile e privo di ostacoli, infatti capiterà spesso di incombere su una situazione incresciosa e fastidiosa, mostrando al giocatore che abbassare la guardia in un titolo del genere non è una cosa saggia e nemmeno consigliata.

screen1

Una città che ha tanto da dire

Come dicevamo prima, in questo capitolo c’è stata fornita una libertà simile a quella vista nei giochi Freeroaming, come ogni titolo del genere che si rispetti, sono presenti dei compiti secondari, che siano missioni o sfide, o anche il solo raccogliere i collezionabili. Nonostante le missioni primarie presenti risultino molto divertenti, quelle secondarie dopo averne giocate un paio, fanno sentire un pressante senso di ripetitività, che gravano sull’esperienza di gioco, rendendo quasi frustante il proseguimento della missione. Uno degli aspetti degni di nota, è sicuramente l’assestamento degli scenari di gioco, visto che spesso sono ornati da piattaforme o una serie di ostacoli ben assestati e che vanno in armonia con il contesto della missione, offrendo anche una serie di “object” secondari da sfruttare se non si vuole seguire la strada principale. La grafica del titolo ci è sembrata ottima, a parte per qualche animazione non proprio sincronizzata, ma che crediamo sia frutto di un prodotto ancora non definito essendo una Build non completa e che non rispecchia il prodotto finale. Se da un lato abbiamo delle animazioni non propriamente ottime per alcuni modelli poligonali, dall’altra abbiamo una protagonista con un asset di animazioni perfetto, che rendono viva l’azione di gioco, mostrando realmente cosa vede con i propri occhi la nostra Faith, che sia un palmo poggiato al muro o un calcio sferrato a una porta. Altra nota positiva è sicuramente il doppiaggio Inglese, che ci è sembrato più che ottimo, e che ci fa ben sperare in un buon doppiaggio italiano, data la qualità scadente dei doppiatori del capitolo precedente.

mirrors_edge_catalyst_faith_chase-HD

Commento Finale

E’ vero, per Mirror’s Edge Catalyst dovremo attendere un po’ più del previsto, ma da quel che abbiamo provato, possiamo dire che l’attesa sarà quasi sicuramente ripagata da un prodotto che ha molto da offrire. Siamo stati molto felici di poter partecipare a questa Closed Beta, e ancor più, scoprire che il prodotto si è evoluto, ed è pronto per sconvolgere diversi giocatori di tutto il mondo con le sue novità, rivolte sia a chi ha amato il primo capitolo e a chi si sta avvicinando a questo prodotto per la prima volta. Sicuramente vi sono altri aspetti ancora che sono in attesa di valutazione, ma per ora è promosso per i contenuti che son stati proposti, sperando di rimanere altrettanto soddisfatti con il prodotto finale.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.