Hearthstone – Uno sguardo a Whispers of the Old Gods – Parte 1

Videogiochi

Oramai manca quasi un mese al rilascio della nuova espansione di Hearthstone: Heroes of Warcraft denominata “Whispers of the Old Gods”, in italiano “Sussurri dei Vecchi Dei” ed ogni giorno che passa aumenta l’attesa, soprattutto per quei giocatori che già ora passano ore ed ore ogni giorno in questo fantastico gioco, ma perché aspettano questo momento? Che innovazioni porta?

Le grandi implementazioni sono due alla fine: 134 nuove carte e la nuova modalità standard; la più attesa in assoluto è sicuramente quest’ultima, con molte affinità a quanto già accade con Magic The Gathering, ossia un formato dove le espansioni ruotano fuori ciclicamente dopo ogni nuova uscita, mantenendo utilizzabili soltanto quelle degli ultimi due anni, avventure incluse; ovviamente le altre carte non saranno da buttare, ma utilizzabili nel formato Wild equivalente alla modalità di gioco attuale, anche se questa ventata d’aria fresca, che vedrà uscire dalla rotazione Goblin Vs Gnome e Curse of Naxxramas ha stuzzicato non poco.

Ora siamo qui per parlare della nuova espansione e nello specifico delle carte uscite finora dagli spoiler ufficiali Blizzard, le commenteremo tre alla volta valutandone l’efficacia ed il contesto potenzialmente più funzionale a loro, tutto secondo il mio punto di vista tenendo come punto di riferimento il formato Standard. Al via l’analisi!

Partiamo con le prime tre annunciate, come ben vedete sono dei re-work, ossia delle vecchie conoscenze che sotto l’influenza degli dei antichi si sono trasformati, ovviamente valgono come carte nuove e non andranno in nessun modo ad alterare le versioni precedenti, ma andiamo con ordine a commentarle. Il Validated Doomsayer introduce una nuova meccanica dove un determinato valore varia all’inizio del proprio turno, in se per se non sembra male un potenziale 7/7 a costo 5, ma se non protetta può rivelarsi una pesantissima lama a doppio taglio, nello specifico contro Prete. Il Corrupted Healbot d’altro canto non sembra così controproducente come il precedente, visto in ottica controllo può essere vista come un ottima creatura per gestire il campo nelle prime fasi della partita, dove la vita dell’avversario in questa tipologia del mazzo non è molto considerata, ma occhio sempre a gestirla nel modo giusto; infine arriviamo al Polluted Hoarder, al contrario della sua versione non corrotta ha tutto raddoppiato meno che il suo effetto, un 4/2 costo 4 pare molto debole potendo essere eliminato da quasi tutte le creature d’inizio partita, in Arena magari può essere meglio di tante altre carte fortemente inutilizzabili, ma non fa gridare al miracolo, se solo fosse costato uno in meno…

Sempre nella prima serata d’annunci il buon Ben Brode ha parlato del malvagio C’Thun, uno dei quattro Dei Antichi e del suo culto formato da adepti pronti ad interagire con lui, con interazione parliamo di carte che ruoteranno attorno a lui, potenziandolo ed altro ancora, ma andiamo vedere subito i primi due esempi tutt’altro che deboli; il Twilight Elder ha delle ottime caratteristiche per essere una creatura a costo 3, basti pensare che è tra i valori migliori di questa categoria, con un effetto importante, infatti potenziare ad ogni turno C’Thun può rivelarsi devastante. Il secondo adepto è il Beckoner of Evil, anche qui parliamo di caratteristiche ottimali con un grido di battaglia utile al suo Dio, un +2/+2 appena evocata è notevole ed immediato. Ed ora è il momento di parlare del Dio C’Thun, parte da 6/6 costo 10, ma come descritto in precedenza può facilmente tramutarsi in un 12/12 o anche di più, rappresentando un cataclisma per l’avversario quando scende in campo, con la possibilità di creare una miriade di archetipi che girano attorno a lui; non ci resta che vedere gli altri suoi “amichetti” come saranno, nel mentre vi ricordiamo che queste 3 carte saranno gratuite per chi si collegherà al gioco durante il rilascio dell’espansione!

Il Paladino perde tanto dalla rotazione e Stand Against Darkness prova ad essere un aiuto per attutire il colpo, ma dal mio punto di vista è troppo lenta per questo intento, dato che, al contrario del fratellino Muster For Battle tanto amato dai paladini, non equipaggia neppure un arma, magari con il proseguimento dello spoiler nuove interazioni verranno fuori, ma al momento non è nulla di che. Il Cacciatore invece non perde tantissimo ed anzi guadagna un bel bestione 8/8, il Giant Sandworm è una carta molto forte per le sorti della partita, con la possibilità di attaccare ogni volta che schianta una creatura avversaria, tante carte già presenti possono interagire con lei per renderla imponente, ma un costo così alto verrà giocata in una classe così tendente all’aggro? Lo vedremo presto; anche Hogger è stato contaminato variando solo in parte il suo effetto originale, ora è un 6/6 costo 7 con un effetto molto interessante, infatti genera dei 2/2 Gnoll con provocazione ogni qualvolta subisce danno, specialmente con Guerriero, come già vediamo con Grim Patron, potrebbe trovare gioco e quindi mi aspetto di vedere il buon Hogger, Doom of Elwynn giocato.

Altri devastanti amichetti di C’thun per noi, Klaxxi Amber-Weaver rappresenta un temibilissimo costo 4 per il Druido, potendo tranquillamente scendere sul campo come 4/10, caratteristiche veramente imponenti ed in una classe dove l’abbondanza di mana regna sovrana, dubito non possa trovare valore, mentre l’Ancient Shieldbearer va a sostituire un importante creatura per la versione controllo del Guerriero come la Shieldmaiden (5/5 costo 6 che fornisce 5 di armatura al controllore), sicuramente un must have per la versione controllo di un deck C’Thun. Non solo cultisti di classe, ma anche una nuova creatura neutrale si presenta a noi, C’Thun’s Chosen è un ottima creatura, un 4/2 scudo divino costo 4 sarebbe stata buona in qualsiasi caso, ma quel +2/+2 al C’Thun la rende molto temibile una volta scesa in campo.

Nuovo corrotto con l’Infested Tauren e come negli altri esempi è abbastanza mediocre, valori molto bassi per il suo costo ed effetto deludente, la brutta copia dello Sludge Belcher di Naxxramas, mentre DOOM! personalmente è ottima, oltre ad avere un art work minaccioso, è l’unione di Twisting Nether e Sprint del Ladro, permettendo di pulire qualsiasi cosa presente in campo e di pescare, da valutare sempre quando utilizzarla per evitare di bruciarsi troppe carte. Eater of Secrets rappresenta motivo di discussione, meglio o peggio della già non giocata Kezan Mystic? Meglio un 4/3 che ruba un segreto oppure un 2/4 che li distrugge tutti e si potenzia? Dipende al 100% dai mazzi che si vedranno nelle classificate dello standard, se ci saranno molti mazzi basati su segreti allora Eater sarà sicuramente una carta obbligatoria in ogni mazzo con un valore pressoché infinito, altrimenti sarà quella che non vorrai mai pescare, molti dubbi rimangono quindi sulla sua forza.

Un trittico di nuove magie a costo 0, questo tipo di costo in Hearthstone è più unico che raro, quindi vederle uscire ha suscitato sorpresa in molti, ma sono carte di valore? Forbidden Shaping fornisce a Prete una carta veramente utile per una classe così bistrattata, permettendogli di giocare in curva di mana una creatura casuale piuttosto del potere eroe e passo, certamente sta al giocatore valutare quando e se utilizzarla a seconda dell’avversario di fronte a lui, però a me piace molto. Forbidden Flame è una carta molto situazionale, può essere una rimozione per qualsiasi creatura, ma a caro prezzo e questo può far desistere in tanti dall’utilizzarla, anche perché di magie il Mago perde poco o nulla; Forbidden Healing può probabilmente aiutare qualche archetipo controllo del paladino, se il meta sarà prettamente aggressivo allora potrebbe essere interessante come fonte di cura per salvarsi da morte certa.

Nuova creatura a costo 6 per il Prete, probabilmente la zona della curva di mana più ricca della classe, il suo effetto però è molto interessante, l’idea di creare minute copie delle nostre creature in gioco grazie al buon Herald Volazj non è male, anche se probabilmente con altre classi sarebbe stata più efficiente, vedremo se qualche giocatore proverà a dargli valore. N’Zoth’s Tentacle è una carta discreta, una mini rimozione a costo 1 sicuramente non è brutta, ma neanche esaltante, sicuramente vedrà gioco in una qualche tematica combo. Passiamo ora ad una delle carte che più stimola il mio interesse: Hallazeal the Ascended; è la prima leggendaria dello Sciamano ad essere rivelata e per mazzi combo o tendenti al controllo può essere importante, un ottimo 4/6 a costo 5 con un effetto d’impatto, l’idea di curarsi completamente o quasi grazie ad una rimozione globale contro mazzi aggressivi è fantastica, una “combo” in grado di far terminare la partita a nostro favore, a mio avviso è da tenere d’occhio.

N’Zoth’s First Mate è una mina vagante per l’arena, una carta che verrà scelta quasi sempre e comunque, in standard può vedere gioco senza ombra di dubbio, un 1/1 costo 1 che ci equipaggia una buona arma per le prime fasi dello scontro è solo che un vantaggio, mentre il Faceless Shambler mi lascia qualche dubbio, se verrà usata al massimo delle sue potenzialità può essere capace di spostare in parte le sorti della partita, altrimenti rimarrà una carta morta in mano, la vedo bene in mazzi controllo, magari con giganti come bersagli ottimali. Renounce Darkness pare da subito una carta “troll”, non credo possa vedere gioco data la sua enorme dote di casualità, certamente può in determinati casi essere devastante, ma il non sapere mai cosa ti potrà capitare, la rende secondo me una carta da Rissa, nulla di più.

Undercity Huckster è una carta interessantissima per l’archetipo Ladro Raptor, con un effetto potenzialmente interessante, il dubbio è dato solamente dall’effettuo casuale della carta che ci viene donata, anche le caratteristiche della carta non sono assurde, ma neanche da buttare; ora invece passiamo dal tenero Brood of N’Zoth, a primo sguardo sembra una mascotte di giochi per bambini, se non fosse collegato ad uno dei temutissimi Dei Antichi, è un 2/2 costo 3, statistiche veramente tanto basse, ma il suo rantolo di morte, visto magari in un mazzo molto aggressivo, è interessante, una carta che non sottovaluterei troppo. N’Zoth, the Corruptor è il secondo Dio Antico e da tale è letteralmente una bomba, 5/7 costo 10 di per se sarebbe pessimo, ma il suo grido di battaglia è capace sin da subito di ribaltare completamente la partita, visto in mazzi dove sono presenti quattro o cinque rantoli di morte forti, come per esempio Sylvanas Windrunner e Tirion Fordring, è senza se e senza ma DEVASTANTE!

Altra leggendaria per noi, The Boogeymonster è un 6/7 a costo 8 non del tutto ottimale, certamente la possibilità di potenziarsi quando uccide una creatura è carina, ma troppo limitato al fatto che lui debba attaccare, accompagnato da caratteristiche sotto la media per un costo 8 non la vedo giocabile al momento. Xaril, Poisoned Mind finalmente una carta per il Ladro potenzialmente giocabile, certamente il fattore casuale è notevole, ma le applicazioni nella versione “Miracle” di questa classe sono molteplici, direi un non male.

Siamo arrivati al termine del primo articolo su Whispers of the Old Gods, in questo articolo ho espresso le mie impressioni su tutte le carte rilasciate finora e non vi nascondo che l’attesa in me per la sua uscita è alta; spero che il tutto possa essere stato di vostro interesse e vi do appuntamento ai prossimi articoli che andranno a completare l’intera espansione, alla prossima!

Nato nel lontano 1991 nell'irridente cittadina di Riccione, famosa per il mare e la movida, si differenzia sin da subito dalla massa per il suo essere introverso ed affascinato verso un incredibile mondo: I Videogames. Inizia a giocare con il PC ai vari Prince e Lotus fino ad arrivare alla PlayStation 1, la prima vera console casalinga e da quì la sua passione esplode fino ad arrivare ai giorni d'oggi. Oltre ai videogiochi ama gli anime e manga, la cultura giapponese, i giochi di carte fisici e digitali, il mondo fantasy ed il calcio.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up