Apple migliora le app per la salute con CareKit

Tech

Apple ha presentato ieri CareKit, un nuovo framework software progettato per aiutare gli sviluppatori a creare strumenti che offrano agli utenti la possibilità di gestire attivamente le proprie condizioni di salute. Le app per iPhone che usano CareKit permettono ai clienti di tenere traccia più facilmente dei piani di assistenza e di monitorare sintomi e trattamenti, offrendo un quadro più esaustivo e aiutando così le persone a comprendere meglio il loro stato di salute. Grazie alla possibilità di condividere le informazioni con dottori, infermieri e famigliari, le app CareKit aiutano gli utenti ad assumere un ruolo più attivo nella gestione della propria salute.

“Siamo entusiasti del profondo impatto che ResearchKit ha già avuto sul ritmo e sulla portata delle ricerche mediche e ci siamo resi conto che molti di quegli stessi principi avrebbero potuto trovare applicazione nell’assistenza individuale,” ha dichiarato Jeff Williams, Chief Operating Officer di Apple. “Riteniamo che fornire alle persone gli strumenti per comprendere ciò che sta accadendo con la loro salute sia incredibilmente importante, e le app progettate con CareKit lo rendono possibile, dando agli utenti la possibilità di svolgere un ruolo più attivo nella gestione della cura di sé.” 

CareKit sarà disponibile come framework open source il mese prossimo e permetterà alla comunità di sviluppatori di continuare a progettare sui primi quattro moduli progettati da Apple che includono:

  • Care Card, che aiuta le persone a tenere traccia dei propri piani di assistenza e delle azioni richieste, per esempio assumere un farmaco o completare esercizi specifici; le attività possono essere monitorate e registrate in automatico grazie ai sensori dell’Apple Watch o dell’iPhone;
  • Symptom and Measurement Tracker, che consente agli utenti di registrare facilmente i propri sintomi e indicare come si sentono, per esempio monitorando la temperatura corporea per verificare la presenza di eventuali infezioni oppure misurando i livelli di dolore o spossatezza. Gli aggiornamenti possono includere semplici sondaggi, foto che mostrano i progressi di una ferita oppure attività calcolate utilizzando l’accelerometro e il giroscopio dell’iPhone, come per esempio quantificare l’arco di movimento;
  • Insight Dashboard, che mappa i sintomi rispetto alle azioni richieste in Care Card, per mostrare chiaramente l’efficacia delle terapie;
  • Connect, che permette agli utenti di condividere facilmente le informazioni e comunicare a dottori, équipe di assistenza o famigliari informazioni sulla propria salute ed cambiamenti nella propria condizione.

“Con ResearchKit, abbiamo compreso rapidamente il potenziale delle app mobili per condurre studi clinici di alta qualità e dai costi contenuti, in grado di raggiungere una base di utenti senza precedenti,” ha affermato Ray Dorsey, MD, David M. Levy Professor of Neurology presso l’University of Rochester Medical Center. “Ci auguriamo che CareKit ci aiuterà a colmare il divario fra i risultati delle nostre ricerche e il modo in cui curiamo giorno per giorno i pazienti affetti dal morbo di Parkinson. Questo nuovo strumento apre la strada alla democratizzazione della ricerca e della medicina.”

Per maggiori informazioni, visitare www.apple.com/carekit.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Password Persa

Sign Up

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com