Gli svizzeri nel nostro immaginario son sempre stati considerati precisi, puliti, minimalisti che non si concedono facilmente agli eccessi. Giocando a Dreii per la prima volta non avrete dubbi sul fato che questo gioco sia stato sviluppato da un team elvetico. Quindi a prima vista si potrebbe considerare un titolo noioso e poco avvincente, viste queste premesse. Ma fortunatamente non è così.

Sviluppatore: Etter Studio
Publisher: Etter Studio
Piattaforme: PS4, PS Vita, PC/MAC, Wii U, iPad, Mobile
Genere: Puzzle
Data di uscita: 2 febbraio 2016
Localizzazione: Testi a schermo in Italiano

Di puzzle basati sulla fisica ne siamo stati sommersi in questi anni, sia su cellulari che su piattaforme domestiche, e Dreii sicuramente fa parte di questo genere. La nostra principale avversaria nel gioco è la tanto temuta forza di gravità. Ogni oggetto dotato di una massa e più pesante dell’aria, è suo malgrado attratto verso il suolo. Il nostro compito sarà quello di far si che la gravità possa darci una mano per costruire delle strutture con oggetti tridimensionali di varia forma e dimensione, per arrivare a coprire una luce e passare al livello successivo. Per fare ciò avremo a disposizione un aiutante digitale, uno stano cursore che si può spostare attraverso lo schermo e con il quale agganciare, trasportare e collocare dove vogliamo, o meglio dove vorremmo, i blocchi. Abbiamo detto “vorremmo” nella frase precedente perché purtroppo, oltre alla gravità man a mano che si avanza nel gioco, dovremo combattere contro altri elementi di disturbo. Se infatti i primi livelli sono dei silenti tutorial che intuitivamente ci faranno prendere pratica con la dinamica di gioco, appena si inizia a fare sul serio, appaiono degli ostacoli che metteranno a dura prova la nostra intelligenza, abilità e soprattutto pazienza.

dreii_screen_02

Ci sono dei simpatici tappeti elastici che faranno rimbalzare i blocchi come delle cavallette impazzite. Quindi oltre a non stare fermi, i blocchi diventano anche dei proiettili che si scagliano inconsapevoli contro le strutture che abbiamo appena eretto, costringendoci a ricominciare tutto da capo. Ma si incontreranno anche altre difficoltà. Come ad esempio blocchi inamovibili, blocchi delicatissimi, blocchi esplosivi, livelli “acquatici” e soprattutto il nostro peggior nemico: il vento. Delle improvvise folate spazzeranno via tutto quello che abbiamo costruito, costringendoci a coordinare velocità e precisione per avere successo.
Proprio sulla precisione volevamo spendere due parole. Abbiamo provato Dreii prima in versione PS4 e poi su PS Vita. Vi ricordiamo che il gioco è uscito inizialmente su piattaforme touch, poi passato su PC e adesso è approdato sulle console di casa Sony.
Appena iniziato a giocare ci siamo resi conto di quanto i comandi dovevano essere precisi, perché costruire delle strutture molto alte prevede di impilare i vari blocchi in maniera accurata, altrimenti si rischia un inevitabile crollo.
Il pad della PS4 è stato implementato molto bene, anche se in alcuni punti abbiamo rimpianto la possibilità di non poter aver maggior precisione e velocità, magari usando il touch pad del controller. Soprattutto nei quadri dove si deve combattere contro elementi esterni come il vento, abbiamo dovuto armarci di santa pazienza perché i controlli non ci permettono di essere veloci e precisi allo stesso tempo. Passando alla versione Vita ci immaginavamo che con la possibilità di usare il touch screen, molti di questi problemi si sarebbero risolti, essendo un gioco inizialmente proprio pensato per essere giocato trascinando il cursore con le dita sullo schermo. Non è stato proprio così, poiché è vero che la risposta ai comandi touch è più veloce rispetto a quella del controller, ma essendo lo schermo della Vita molto più piccolo di quello di un tablet, sono anche molto più imprecisi. Può capitare infatti a volte che si cerchi di agganciare un blocco, ma si prende quello subito vicino, causando magari la caduta di una struttura già costruita. Non consideriamo questi difetti come elementi estremamente negativi, ma ci sembrava corretto segnalarli, perché molti potrebbero risultare frustrati dal dover ripetere molte volte lo stesso livello fintanto che non hanno preso pratica con i controlli.

award-winning-dreii-puzzle-game-screenshot-02

L’elemento innovativo di Dreii sono sicuramente i livelli multiplayer. Un po’ come succedeva in Journey, quando arriviamo in un livello dove è necessaria la collaborazione con un altro giocatore, un perfetto sconosciuto può entrare nella nostra partita, o noi nella sua, e aiutarci a risolvere il puzzle. La cosa ancor più interessante è che su qualunque piattaforma si giochi, possiamo interagire con gli altri.
Per potersi coordinare c’è la possibilità di chattare aprendo una ruota di frasi che simultaneamente vengono tradotte dal gioco in 19 lingue diverse, essendo tutte standardizzate. Abbiamo trovato questa idea veramente geniale, perché nel tempo si potrà creare una comunità di giocatori che potranno collaborare tra di loro sia da iPad, che da PS4 o da PS Vita, senza porsi alcun problema di compatibilità.

La grafica è come abbiamo detto all’inizio, minimalista ed essenziale e l’unico tocco di colore di tutto il gioco è il nostro cursore, che sembra un arlecchino volante, di varie forme e dimensioni.

La giocabilità è immediata e la longevità è garantita dal fatto che molti livelli vi terranno occupati per molte ore per arrivare alla soluzione. Inoltre è possibile affrontare nuovamente un livello, cercando magari una strada alternativa, poiché ci siamo accorti che non c’è un solo modo per raggiungere il nostro obiettivo. In Dreii none esistono punteggi, tabelloni o classifiche, si deve solo procedere e sbloccare i vari livelli, magari scegliendo ad alcuni bivi, delle strade alternative, che però alla fine ci condurranno sempre verso la sfida finale.

dreii_still_007

In Conclusione

Dreii è un puzzle game che usa la fisica, soprattutto la gravità, per farci usare il cervello e le nostre capacità di pensiero laterale allo scopo di risolvere i suoi enigmi ambientali. Non ci sono avversari, se non alcuni elementi come il malefico vento, ma anzi avremo la possibilità di avere dei validi compagni di viaggio. Essi saranno gli altri giocatori sparsi in tutto il mondo che ci potranno aiutare a portare a termine i livelli più complicati che richiedono uno sforzo congiunto.
A dispetto del suo aspetto minimalista, abbiamo trovato in Dreii una profondità e una fonte di divertimento incredibile. Purtroppo i controlli non sono sempre all’altezza della precisione e dell’accuratezza richiesti dal gioco, ma sono difetti che con la pratica e una buona dose di pazienza possono essere facilmente superati.

 

Digital dreamer, videogames addicted, wannabe Jedi. An old player that is still capable of wonder.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com