Heavy Rain & Beyond: Two Souls Collection – Recensione

Recensioni Videogiochi 1.0 Videogiochi

Dopo quasi quattro anni dal suo rilascio sul mercato, è palese come PlayStation 4 sia per alcuni sviluppatori ancora una sorta di “oggetto del mistero”. Mentre, infatti, qualcuno si è già lanciato sulla pubblicazione di uno o più titoli (spesso appartenenti alla stessa serie – vedi Fifa), qualcun altro sta temporeggiando cercando di capire ancora come sfruttare al meglio l’hardware della console ammiraglia Sony. Tra questi sviluppatori attendisti non possiamo non citare Quantic Dream che, similmente a quanto fatto da Naughty Dog con The Last of Us, ha deciso di esordire su PlayStation 4 con la versione remastered di due suoi grandi capolavori ossia Heavy Rain e Beyond: Due Anime.

Titolo: Heavy Rain & Beyond: Two Souls – Collection
Sviluppatore: Quantic Dream
Editore: Sony Computer Entertainment
Genere: Avventura
Giocatori: 1
Piattaforme: PlayStation 4
Localizzazione: Parlato e sottotitoli in italiano

landscape_gaming-beyond-two-souls-8

Heavy Rain e Beyond: Due Anime sono due titoli di difficile catalogazione. Qualche reseller li ha classificati come titoli d’azione/avventura ma noi preferiamo vederli come dei film interattivi. Perché sì, a pensarci bene, le due mastodontiche opere di Quantic Dream raccontano delle storie umane, profonde, con un coraggio che solo poche case di produzione hollywoodiane hanno avuto soprattutto se si pensa al fatto che in Beyond: Due Anime hanno prestato il proprio volto ai protagonisti Ellen Page (Juno) e Willem Dafoe (Goblin nel primo film di Spiderman). E quindi partiamo col dire che se siete fan dei titoli d’azione o quelli spara-spara o quelli in cui bisogna muoversi freneticamente, purtroppo con i titoli di Quantic Dream non avrete pane per i vostri denti. Lo stile di Heavy Rain e Beyond: Due Anime è riconducibile a quello delle avventure grafiche con la differenza, però, che ogni risposta e ogni azione possono portare a un diverso sviluppo della trama. Basti pensare che Heavy Rain ha ben quattro protagonisti, ognuno con una storia diversa dall’altro, e a seconda delle scelte fatte dal giocatore, l’epilogo della storia può presentarsi in ben diciassette modi differenti. Beyond: Due Anime, invece, sebbene abbia una sola protagonista (anzi diciamo una e mezzo va) il gioco presenta ben ventisette conclusioni differenti. E’ irrefrenabile quindi, una volta completati i giochi, la volontà di rigiocarli da capo e fare delle scelte differenti.

1732973306564f744ec750c

Quello che rende Heavy Rain e Beyond: Due Anime irresistibili è indubbiamente il sistema di controllo dei personaggi. In entrambi i titoli, infatti, saremo chiamati in più occasioni a dovere premere con delicatezza o decisione levette e pulsanti al fine di portare a termine con successo l’azione di gioco; l’impetuosità o l’estrema lentezza nel premere nell’eseguire reazioni richieste può portare alla morte di un personaggio secondario o alla morte del protagonista.
Non mancheranno, nel corso delle situazioni più frenetiche, i tanto amati quick time events che richiedono la pressione del pulsante giusto al momento giusto.

beyond-two-souls-ps4-01

Ma rientriamo in noi: fino a questo momento abbiamo descritto Heavy Rain e Beyond: Due Anime per i neofiti del genere, per quelli che probabilmente non hanno mai avuto la possibilità di provarli. Le versioni per PlayStation 4 dei titoli di Quantic Dream si presentano come delle tradizionali remastered, delle versioni rivedute e ripulite dei titoli originali usciti su PlayStation 3 (rispettivamente nel 2010 Heavy Rain e nel 2013 Beyond: Due Anime).
Dal punto di vista tecnico, le suddette remastered mostrano grandi passi in avanti soprattutto per quello che riguarda il motore grafico. Gli sviluppatori hanno ben pensato di sfruttare più che potevano le potenzialità della console casalinga Sony riuscendo quindi a migliorare notevolmente i modelli dei personaggi e delle animazioni, aumentando la risoluzione a 1080p e apportando miglioramenti alle illuminazioni delle diverse scene.
Il comparto sonoro dei titoli in questione è rimasto invariato e presenta quindi le colonne sonore firmate da Norman Corbeil unite a un doppiaggio in svariate lingue, tra cui l’italiano. Vi segnaliamo che il doppiaggio nostrano vanta la presenza di alcuni nomi importanti del settori tra cui Ivo De Palma, Claudia Gerini e Pino Insegno e se questi nomi vi fanno storcere il naso, pensate che l’ultimo ha dato la voce ad Aragorn nella trilogia de Il Signore Degli Anelli mentre De Palma è la storica voce di Pegasus dei Cavalieri Dello Zodiaco.

Per quel che riguarda i contenuti, Heavy Rain e Beyond: Due Anime non offrono grandi novità rispetto alle edizioni originali eccetto la presenza di un nuovo livello di difficoltà e nel caso di Beyond la possibilità di rigiocarsi la storia secondo l’ordine esatto degli eventi.

In conclusione

Dare un giudizio a questa raccolta di remastered è difficile. Da appassionato di Quantic Dream non posso che consigliare l’acquisto a chi non ha mai giocato i suddetti titoli, visto soprattutto il prezzo estremamente invitante. Se invece avete giocato sia Heavy Rain sia Beyond: Due Anime, qui siete di fronte a una scelta morale: siete pronti a rigiocare per l’ennesima volta gli stessi titoli sapendo che, in fin dei conti, non c’è alcuna reale novità? Il voto finale che abbiamo deciso di apporre vale ESCLUSIVAMENTE per coloro che non hanno mai giocato entrambi i titoli, mentre chi li ha già giocati deciderà da solo cosa fare..

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com