honor 7 (Huawei) – Recensione

Huawei, come altre realtà cinesi, è noto per aver portato sul mercato smartphone dalle caratteristiche impressionanti mantenendo un prezzo budget, aspetto fondamentale anche della nuova serie honor. L’ultimo arrivato, anzi penultimo, vista l’uscita qualche giorno fa di honor 5X, è honor 7, smartphone che mantiene intatto tutto ciò che di buono hanno i suoi predecessori, ma in un pacchetto più raffinato. Ma questo dispositivo riesce a distinguersi in questo segmento altamente competitivo? Scopriamolo assieme.

Mentre honor 7 presenta una linea molto simile ai suoi predecessori, non si può dire altrettanto dei materiali costruttivi, che con questo modello introduce un design metallico unibody. Questo assieme alla finitura sabbiata a ceramica, permette non solo una sensazione gradevole in mano, ma ne contrasta anche la scivolosità del metallo. Con uno spessore di 8,5 mm ed un peso appena sotto i 160 grammi, il dispositivo risulta molto solido e consistente, ed il suo display da 5,2 pollici con cornici sottili lungo i lati ne consente un facile utilizzo con una sola mano.

Sul lato destro del dispositivo troviamo il bilanciere del volume ed il pulsante di accensione con una superficie leggermente differente dal bilanciere per renderlo distinguibile da quest’ultimo. Sul lato sinistro troviamo invece lo slot dual-SIM e il pulsante SmartKey. Sulla parte superiore abbiamo il jack per le cuffie e il trasmettitore IR, mentre su quella inferiore troviamo la porta microUSB affiancata da due altoparlanti, o meglio griglie, visto che solo quella di sinistra è il vero diffusore.

Nella parte anteriore, sopra il display, abbiamo l’altoparlante, un LED di notifica e una fotocamera da 8 MP con annesso flash. La parte posteriore vede una fotocamera da 20 MP con doppio flash LED ed un sensore di impronte digitali.

Honor 7 è dotato di un display LCD IPS da 5,2 pollici, con una risoluzione di 1920×1080 e una densità pixel di 424ppi. Un elevato contrasto dichiarato dalla casa cinese ed un tasso di saturazione del colore diell’85% rendono il testo nitido e chiaro e i colori molto vivaci. L’angolo di visualizzazione è buono e l’ottima luminosità consente una soddisfacente visibilità anche all’aperto.

“honor 7, bello da vedere, e da toccare”

All’interno di honor 7 abbiamo un processore octa-core Hisilicon Kirin 935 da 2,2 GHz con una GPU Mali-T628 e 3 GB di RAM. Le prestazioni sono buone e tutto fila liscio senza troppi intoppi o lag. Il passaggio da un’applicazione ad un’altra come anche la chiusura e apertura delle stesse risulta veloce. Buona anche la gestione di giochi, purché non si facciano girare titoli abbastanza pesanti graficamente e dove si nota la perdita di fotogrammi e tempi di caricamento abbastanza lunghi.

Il dispositivo viene fornito con 16 GB di memoria interna, ampliabile con microSD fino a 128 GB. E’ da tenere presente che l’utilizzo della microSD esclude la funzionalità della dual-SIM. Come già accennato sopra, è presente un lettore di impronte digitali nella parte posteriore, molto preciso, ma in quella posizione anche difficile da utilizzare se il telefono è appoggiato su di un tavolo. Questo sensore non è solamente un lettore di impronte digitali ma gestisce anche un sistema di gesture, scorrendo il dito verso il basso si aprirà il pannello delle notifiche, con un tap le applicazioni recenti e così via. Questa funzione può anche essere disattivata, per chi come me a volte si è trovato ad utilizzarla accidentalmente.

Durante la descrizione del prodotto abbiamo introdotto il pulsante SmartKey che si trova sul lato sinistro del telefono, e che ci permetterà di lanciare fino a tre diverse applicazioni o comandi, attraverso il semplice click, doppio click o pressione prolungata del pulsante. Utilissimo e soprattutto personalizzabile, dalle impostazioni infatti potremo scegliere quali applicazioni o comandi attribuire allo SmartKey.

Come accennato sopra, la porta microUSB sul fondo è affiancata da due griglie altoparlanti, ma solo per fini estetici, visto che solo quella di sinistra ospita il diffusore. Il posizionamento di quest’ultimo risulta migliore rispetto a quello posteriore visto in molti device, ma sfortunatamente la qualità non è delle migliori, distorcendo un po’ l’audio a volume alto.

Per quanto riguarda la batteria, honor 7 equipaggia un’unità da 3100 mAh non rimovibile, che grazie anche alla gestione software, risulta eccellente, con una durata sopra la media. Per rendere l’idea, in una mia giornata tipo con chiamate, navigazione internet, ricezione e invio mail e messaggi, spegnendolo solo nelle ore notturne, sono passati quasi tre giorni prima di ricaricarlo. E se si rimane a corto di batteria, è possibile sfruttare la funzionalità di ricarica rapida arrivando al 50% in soli 30 minuti.

honor 7 è dotato di una fotocamera posteriore da 20 MP con doppio flash LED e una anteriore da 8 MP. L’applicazione della fotocamera è molto interessante con molte funzioni disponibili per migliorare gli scatti. Inoltre grazie alla pressione prolungata del tasto volume, potremmo accedere in maniera rapida alla fotocamera e scattare una foto. La qualità delle foto è buona soprattutto in ambienti molto luminosi, mentre con scarsa illuminazione la qualità viene meno, così come nella maggior parte dei device. La qualità video invece è un po’ deludente, con scarsa gamma dinamica e la tendenza a sovraesporre, il che porta continuamente a toccare lo schermo per mettere a fuoco e regolare l’esposizione. La fotocamera frontale ha più o meno gli stessi pregi e difetti di quella posteriore, ma difficilmente possiamo avere in uno smartphone una fotocamera frontale con obiettivo grandangolare e un flash.

Il dispositivo viene fornito con Android 5.0,2 Lollipop e con l’ultima interfaccia utente Emotion di Huawei, interfaccia che si rifà molto a quella iOS. Avremo infatti le icone arrotondate, o le cartelle in cui potremo organizzare le nostre applicazioni in una griglia 3×3, il suono dell’otturatore molto simile e l’effetto sfocato quando si aprono le cartelle.

honor 7-emui-1008x515

Ci sono poi alcune funzioni che rendono l’interfaccia utente molto veloce, inclusi i gesti di scorrimento utilizzando il lettore di impronte digitali, la possibilità di catturare uno screenshot con un doppio tap sullo schermo. E’ inoltre possibile giocare con i tasti di navigazione presenti sullo schermo, cambiandone la disposizione o aggiungendone un quarto per richiamare il pannello di notifica. Quest’ultimo è diviso in due sezioni, una con le scorciatoie e l’altra per le notifiche vere e proprie, molto ben organizzate con una linea temporale sul lato sinistro. Inoltre per la gioia dei più creativi abbiamo una funzione per creare e modificare l’aspetto grafico dell’interfaccia.

Commento finale

Nel complesso honor 7 è davvero un buon telefono, con il suo design elegante e i materiali di ottima fattura. La durata della batteria è impressionante, grazie anche alla gestione del software, da elogiare anche il sensore di impronte digitali. Nella media la fotocamera. Le prestazioni del dispositivo sono ottime, sempre fluido e scattante, tranne nell’utilizzo di giochi che richiedono un supporto grafico elevato. L’interfaccia utente pur essendo Android si rifà molto a quella di iPhone e non ci vorrà molto ad abituarsi. Il prezzo? 349 euro sul sito ufficiale honor, ottimo se consideriamo la qualità del dispositivo e le alternative proposte sul mercato. Consigliato.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.