Silenzioso e ben poco raccontato, il Rathergate fu uno degli scandali che rischiò di compromettere seriamente la seconda corsa di George W. Bush alla presidenza della Casa Bianca. Portato avanti dal conduttore di punta della CBS, Dan Rather (Robert Redford) e dalla produttrice del notiziario serale 60 Minutes Mary Mapes (Cate Blanchett), scosse fortemente l’America portando alla luce una probabile raccomandazione del presidente texano durante i suoi anni di leva per evitare l’Esercito (e dunque la conseguente spedizione in Vietnam) ed essere assegnato alla Guardia Nazionale.

truth-trailer-e-poster-del-dramma-biografico-con-robert-redford-e-cate-blanchett-2

Truth. La verità. Un titolo ambizioso considerando che il film vuole raccontare una storia in cui la verità, se sia davvero mai esistita, non è mai venuta fuori ed è raccontata traendo le basi narrative dal libro Truth and Duty di Mary Mapes stessa. Rathergate è stato sì un grande scandalo, ma altrettanto grande è stata la ritrattazione compiuta dalla CBS di fronte ai fortissimi attacchi di opinione pubblica e stampa concorrente. Alla prima esperienza alla regia (dopo tante sceneggiature scritte) dunque James Vanderbilt si ritrova a dover raccontare una “mezza verità” fornito di un cast comunque di ottimo livello, con il sempreverde Robert Redford e l’affascinante Cate Blanchett.

Il tema è sicuramente molto sentito. Al di là della vicenda in sè infatti Truth scandaglia appieno quello che è il rapporto tra la verità ed il giornalismo, tra il “fare notizia” ed il fatto in sè, tra la faziosità e la realtà dei fatti. La sede della CBS è un chiaro spaccato di un qualcosa che riguarda da vicino chi nel giornalismo ci lavora, chi mastica la notizia come pane quotidiano. Emergono immediatamente le contraddizioni di un lavoro difficile, che può portare a grandi inchieste (recente è l’esempio di Spotlight, presentato a Venezia 72 e che racconta l’inchiesta vincitrice del Premio Pulitzer del Boston Globe sui preti pedofili) o a clamorosi fallimenti (Truth stesso ne è un esempio).

Il tema Bush e tutto ciò che gli ruota intorno sembra quasi passare in secondo piano di fronte a questa profonda analisi del mondo giornalistico. Ciò appare quasi sintomatico, trattandosi di un’indagine fallimentare che non riesce in alcun modo ad appassionare lo spettatore. I ritmi sono lenti, non ci si sente mai davvero coinvolti in ciò che sta accadendo, e si insiste esageratamente su aspetti psicologici dei personaggi che, piuttosto che approfondirli, compassano esageratamente lo svolgimento.

Non si capisce se è lo scandalo Rathergate ad essere privo di mordente, o il film stesso. Vanderbilt, in ogni caso, paga la sua scarsa esperienza alla regia consegnandoci un prodotto spento, assolutamente non in grado di cogliere il martellante e vincente proseguire delle indagini che rende appassionanti pellicole di questo genere. Sembra davvero che ci sia poco da raccontare, e che quel poco sia sterile, privo di contenuto, insomma non proprio la sensazionale indagine di cui la storia ci parla.

Controsenso ancora più grande le (ormai abusatissime) scritte finali in sovraimpressione, che ci raccontano l’epilogo della vicenda. Mary Mapes fu infatti premiata con il Premio Peabody per lo scandalo degli abusi e torture all’interno della prigione di Abu Ghraib in Iraq da parte del personale dell’Esercito americano e della CIA. Non sarebbe stato meglio raccontare un inchiesta simile, piuttosto che una storiella senza arte né parte mai confermata, mai smentita, mai abbastanza chiara da dedicarci addirittura un film?

 

Scheda film

Titolo: Truth
Regia: James Vanderbilt
Sceneggiatura: James Vanderbilt
Cast :  Robert Redford, Cate Blanchett, Topher Grace, Dennis Quaid, Elisabeth Moss
Genere: Drammatico
Durata: 121′
Produzione: Mythology Entertainment, Echo Lake Entertainment, RatPac Entertainment
Distribuzione: Sony Pictures
Nazione: USA
Uscita: 1/1/16

Critico cinematografico, giurista e speaker. Classe '94, nato insieme a Dookie, Forrest Gump, Pulp Fiction e Le Ali della Libertà, ma con il cuore a Juno.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Password Persa

Sign Up

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com