Recensione Frankestein Junior

Recensioni Utenti

TRAMA

Il dottor Frederik Frankestein (Gene Wilder), nipote del dottor Viktor van Frankestein, professore di università che vuole rendere anonima la parentela con il suo pazzo trisavolo, viene contattato da un notaio, che lo avverte che deve andare in Transilvania a ritirare l’eredità del deceduto Viktor: un castello.

All’arrivo,incontra il servitore Igor (Marty Feldman) un uomo con una gobba che un giorno è a destra e un giorno a sinistra, ed è inconsapevole di averla. Trasportato in un carro da fieno da Igor, Frederik incontra Inga (Teri Garr) una bella ragazza con cui sboccierà qualcosa.

All’arrivo trovano Frau Blücher (Cloris Leachman), la donna dal nome impronunciabile (infatti ogni volta che la si chiama, i cavalli nitriscono spaventati e comincia a tuonare), che li scorterà nelle stanze e raccontando le imprese del Barone Viktor.

Trovando un passaggio segreto, Frederik, Inga e Igor trovano il laboratorio del Barone, trovando gli appunti del nonno e qui la famosa frase del film: SI,PUO’….. FARE!!!!

Frederik e Igor vanno al cimitero a prendere un corpo per l’esperimento; dopo aver recuperato il corpo, Frederik manda Igor a recuperare il cervello dello scienzato Hans Delbrück, ma dopo un incidente, prende un cervello abnorme, che innestato nel corpo, crea un vero e proprio mostro, che ubbidsce solo a Frau Blücher, che lo controlla con un violino.

Intanto arriva in Romania anche la fidanzata di Frederik, (Madeline Kahn) che provoca l’interesse del mostro facendo così avvenire un insolito finale.

RECITAZIONI E CONCLUSIONI

Sicuramente la recitazione è ottima, azzeccato sopratutto Marty Feldman, vincitore grazie a questo film del Saturn Awards come miglior attore non protagonista, che con il suo aspetto e i suoi occhi è riuscito ad interpretare un personaggio indimenticabile.

Per concludere, devo dire che questo film è bellissimo, Mel Brooks ha avuto un colpo di genio, tutta questa comicità senza bisogno di sesso e volgarità, come nei cinepanettoni di questi giorni.

SCHEDA DEL FILM

Titolo originaleYoung Frankenstein
PaeseUSA
Anno1974
Durata106 min
ColoreB/N
Audiosonoro
GenereComico, Parodia
RegiaMel Brooks
SoggettoGene Wilder, Mel Brooks (dal romanzo Frankenstein di Mary Shelley)
SceneggiaturaMel Brooks, Gene Wilder
ProduttoreMichael Gruskoff
FotografiaGerald Hirschfeld
MontaggioJohn C. Howard
Effetti specialiHal Millar, Henry Miller Jr.
MusicheJohn Morris, Mel Brooks
ScenografiaRobert de Vestel
TruccoWilliam Tuttle
Interpreti e personaggi

 RICONOSCIMENTI

9 Commenti

  1. Bè,bisogna dire che Jim Carrey è stato perfetto per Thruman’ Show

    Rispondi
    • Sinceramente non l’ho visto The Thruman Show, ma mi riferisco precisamente ad Una settimana da Dio, The Mask, Yes Man, Scemo & più scemo e… Ace Ventura. Sono film stupidi, ma sono divertentissimi !

      Rispondi
      • Si,una settimana da Dio può essere considerato comico,ma gli altri li definerei demenziali

        Rispondi
        • si hai ragione, però sono comunque divertentissimi !

          Rispondi
  2. purtroppo non ho mai avuto la possibilità di vedere questo film, essendo del 1974, ma ne ho sentito parlare bene da tutti coloro che lo hanno visto

    Rispondi
    • Bè,è un film assolutamente da guardare,vendono i dvd,quindi ti consiglio di guardarlo

      Rispondi
      • grazie del consiglio ! è da diverso tempo che voglio vederlo, ma alla fine finisco sempre per rimandare la visione

        Rispondi
        • Io do sempre un consiglio,se volete vedere dei veri film comici,guardatevi questi film anni 70/80,come Mel Brooks,Carlo Verdone,Paolo Villaggio,perchè se vado a vedere uno Scary Movie mi metto a urlare,perchè quelli non sono film comici

          Rispondi
          • Gli ultimi scary movie sono davvero inguardabili ! Il cinema italiano in generale a me non piace e anche carlo verdone a me fa ridere poco. Però devo ammettere che tra i comici italiani, gli unici che mi fanno ridere tantissimo sono aldo, giovanni e giacomo, sopratutto per gli spettacoli teatrali. Mentre di attori americani, anche se in parte mi vergogno per questo, mi piace Jim Carrey( escludendo naturalmente gli ultimi film).

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up