Recensione: Il curioso caso di Benjamin Button

Come sarebbe la vita se il tempo scorresse al contrario?
Come ci comporteremmo se forza e vigore aumentassero in noi con lo scorrere del tempo anziche abbandonarci?
Con un sapiente racconto, il regista David Fincher da la sua risposta.
Il curioso caso di Benjamin Button è stato girato nel 2008 ed è basato su un racconto breve di Francis Scott Fitzgerald.
La storia ha inizio in un ospedale americano, in cui Daisy ( interpretata da una inarrivabile Cate Blanchett ) è relegata al letto a causa di una malattia e attende il momento in cui morira.
Al suo capezzale la figlia Caroline, a cui Daisy consegna un diario in cui è riassunta la vita di Benjamin Button.
Da li, e per tre ore piene di emozioni, la vita di Benjamin ( un Brad Pitt di rara intensità ) viene ripercorsa attraverso il suo diario, mentre sulla città in cui l’anziana Daisy è ricoverata sta per abbattersi l’uragano  Katrina.
Un film importante, da vedere, assaporare, da cui lasciarsi sorprendere, lasciar sbiadire lentamente nella memoria e poi rivedere.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.