God of War III Remastered – Recensione

Recensioni Videogiochi 1.0 Videogiochi

Di Remastered ne abbiamo viste tante in questi ultimi tempi, che siano di titoli recenti o più datati. I ragazzi di Santa Monica Studio avevano affermato più di una volta che c’era un annuncio inerente a God of War, o meglio, l’hanno fatto capire attraverso il loro account twitter. Per il decimo anniversario della serie ecco che spunta la God of War III Remastered, diretta da un’altra Software House per farne un porting a 1080p e a 60fps su PlayStation 4.

Titolo: God of War III Remastered
Genere: Action Adventure
Sviluppatore: Santa Monica Studio
Porting HD: Wholesale Algorithms
Piattaforma: Esclusiva PlayStation 4.
Data d’uscita: 15 Luglio 2015

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=qKogMfIAAkY]

 

Una Remastered Spartana..

L’idea di fare una remastered del terzo capitolo di God of War III sembra essere partita dal fatto che su PlayStation 4 sono presenti diversi utenti che non hanno avuto l’opportunità di possedere una PS3 e quindi giocare su quest’ultima il titolo in questione. La scelta di rimasterizzare solo il terzo capitolo lascia leggermente perplessi, dato che la storia riprende esattamente dove l’avevamo lasciata durante il secondo capitolo, con Kratos pronto a scalare l’Olimpo e a compiere la sua vendetta contro Zeus sfruttando i suoi “amici” titani. Prima di passare al lato tecnico, vi introduciamo un po’ di storia per chi non ha mai giocato il terzo capitolo. La storia si basa principalmente sulla vendetta di Kratos, che tradito dagli dei e da suo padre Zeus, è focalizzato sulla loro uccisione. Il nostro prode Spartano si ritroverà per l’ennesima volta in un combattimento all’ultimo sangue che mette a dura prova la sua forza, e nonostante quest’ultima venga meno in certe fasi lo spirito della vendetta lo aiuta ad andare avanti. Durante il nostro soggiorno al monte olimpo avremo l’opportunità di ammirare diverse meraviglie tipiche della Grecia dei tempi, oltre questo, saranno presenti diversi nemici della mitologia greca, come minotauri o chimere.

gow3-screen1

Se dal lato narrativo siamo pienamente soddisfatti, visto l’ottimo lavoro che ha già fatto ai tempi Santa Monica Studio, non possiamo dire altrettanto dal lato tecnico, visto che la pulizia grafica risulta veramente lieve, i modelli che sono stati migliorati sono veramente pochi, e tra questi ovviamente è incluso il nostro protagonista e Pandora. Durante certe fasi di gioco si farà sentire il peso di alcune texture, come ad esempio durante l’incontro con Efesto, dove le texture più sfocate mostrano il loro lato oscuro e nel quale si appurerà che è stato fatto un leggero lavoro di pulizia generale. Questa Remastered ovviamente ha apportato anche dei miglioramenti sostanziosi, ovvero, i 60fps, visto che durante le battaglie si faranno sentire in modo incisivo, mostrando una fluidità unica e piacevole. I combattimenti di God of War III sono rimasti epici e adrenalinici come nel lontano 2010, Kratos ha a disposizione un assetto di combo veramente vasto, partendo dalle spade dell’esilio fino ad arrivare alle armi che usurperemo ad Ade. Il nostro Kratos può contare anche sulle magie, come consuetudine della saga, queste si otterranno con la sconfitta dei boss, ma stavolta i poteri sono legati principalmente all’arma che staremo usando in quel momento. Una simpatica aggiunta sul sistema PlayStation 4 è sicuramente l’uso della Lightbar, che cambierà colore ogni qualvolta cambieremo arma, inoltre è stato sfruttato anche l’altoparlante del DualShock 4 visto che ogni volta che livelleremo un’arma, lo scorrere delle anime che spenderemo le sentiremo attraverso il nostro Joypad. Il comparto audio è rimasto sempre eccelso, specie per la Soundtrack che riesce ad offrire il titolo dei Santa Monica Studio. Il doppiaggio è di ottima fattura ed è completamente in italiano, offrendo un esperienza full-immersion totale.

Commento Finale

Le novità introdotte su questa Remastered sono veramente poche, è stato fatto un lavoro “minimo e indispensabile”, ma nonostante ciò il titolo rimane tutt’oggi ancora valido, per l’ottima narrazione che propone e le meccaniche dinamiche, rese migliori dai sessanta frame per secondo. In conclusione possiamo affermare che questa Remastered è principalmente indirizzata a chi non ha giocato il titolo ai tempi di PlayStation 3 e anche a chi è fan dal famosissimo Spartano, oppure per chi vuole giocarsi un buon titolo tra le esclusive di Sony. Tirando le somme possiamo dire che il titolo è promosso per metà, aspettandoci molto più, vista la qualità delle ultime remastered, come quella di The Last of Us ad esempio.

Federico Molino nasce nel 1996 a Catania, dove iniziò la sua carriera videoludica con la sua prima console, ovvero, il NES. In seguito con l'avvento di PlayStation passò a quella, continuando a crescere con le console del colosso giapponese. Una delle sue tanti passioni è leggere sia romanzi fantasy che manga, ma anche vedere Anime o Film d'animazione strettamente giapponese.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up