Presentate le prime fasi di progettazione e di produzione del nuovo Stonex One

Vanni Casari, Product Manager di Stonex, racconta in un nuovo video le prime fasi di progettazione di Stonex One: dal mockup 0 al proto 1. Si tratta di un percorso che a livello “pratico” è già andato oltre a queste prime fasi mostrate a tutta la rete.

“Il supporto della rete nei confronti del progetto di Stonex One è incredibile, ma come succede a qualsiasi nuovo device pronto a essere immesso sul mercato, le critiche e i dubbi degli utenti non sono mancate. Soprattutto dopo il nostro ultimo video in cui abbiamo mostrato il proto 1 di Stonex One”, spiega il Product Manager di Stonex. “Ecco perché abbiamo deciso di dare qualche piccola delucidazione e sciogliere così qualsiasi dubbio. Ci tengo però a sottolineare che questo è il NOSTRO modus operandi che non cambieremo, perché per noi l’utente è parte integrante del progetto e deve sapere tutto, anche i nostri segreti”.

Il team di Stonex One ha così deciso di spiegare, in maniera molto trasparente e mostrando anche i suoi errori, quali sono state le prime fasi di mockup e di prototipo del nuovo smartphone Android 5,5’’ QUAD HD. Tali fasi non sono costituite da un solo device, ma possono comprenderne molteplici.

“Siamo partiti dal mockup 0, spiega Vanni Casari – quindi da un modello dove al suo interno non c’era alcun tipo componentistica: nessuna camera, nessuno speaker o processore. L’obiettivo era quello di ‘dare vita’ ai render grafici che avevamo disegnato, a capire l’impatto del colore nella realtà e a decidere quale design dare al nostro smartphone. Il mockup 0 era di colore blu scuro, con il logo di Stonex che si sviluppava in verticale sulla scocca posteriore. Siamo poi passati al mockup 1, dove il colore è stato tramutato nel nostro blu klein e il logo non è stato modificato. Infine, nella fase di mockup 2, il colore blu klein è stato consolidato, ma abbiamo deciso di togliere completamente il logo”.

Per quanto invece riguarda la fase di prototipo, quindi di un device già contenente alcune componentistiche come l’hardware e che, potenzialmente, è già in grado di accendersi, Vanni Casari prosegue spiegando: “Il nostro proto 0 aveva problemi di batteria e per questo motivo non era riuscito ad accendersi. Il proto 1, invece, nonostante si sia acceso, come alcuni ci hanno segnalato a seguito del video di settimana scorsa, ha comunque riscontrato qualche piccolo problema. Questo perché – e ci tengo a sottolinearlo – aveva montato un software non ottimizzato per la componentistica che era a bordo di quel device, ma serviva solo a capire se si sarebbe acceso oppure no. Il proto 1, infatti, appariva addirittura senza il vetro della fotocamera e privo della parte audio”.

Francesco Facchinetti, Creative Director di Stonex, ci tiene comunque a puntualizzare che “prima di giungere alla fase di mass production sono stati realizzati molti altri prototipi rispetto a quelli che vi abbiamo mostrato fino ad ora e, naturalmente, voi riceverete solo il device completamente ottimizzato. Quindi non preoccupatevi: non ci siamo fermati al punto in cui avete visto Stonex One nel video di settimana scorsa, ma siamo molto più avanti! Quello che noi stiamo facendo ora e che vogliamo continuare a fare è raccontarvi la nostra storia…con i suoi pregi e i suoi difetti!”.

https://www.youtube.com/watch?v=RnWkXFMs370

Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com