Destiny – Il Casato dei Lupi – Recensione

E’ proprio quando stavamo per riporre Destiny nella sua confezione originale che Bungie tutto d’un tratto annuncia la seconda espansione del gioco chiamata “Il casato dei Lupi” proponendoci delle succose novità. Abbiamo giocato per diverse ore al Casato dei Lupi, vista l’elevata mole di contenuti che ha da offrire, partendo dalle missioni della storia fino ad arrivare a compiti del tutto secondari come le Prove di Osiride. Siamo molto felici inoltre che il level cap sia stato aumentato, e che sia stata data la possibilità di espandere il proprio personaggio con nuovi equipaggiamenti e nuovi oggetti. Pronti con la nostra nave, ci siamo fiondati sull’atollo.

Titolo: Destiny – Il Casato dei Lupi
Sviluppatore: Bungie
Distributore: Activision
Genere: Contenuto Aggiuntivo.
Piattaforme: PlayStation 4, Xbox One, PlayStation 3 e Xbox 360.
Localizzazione: Gioco interamente in italiano.

Una volta che avremo selezionato l’atollo e ci atterreremo, ci sarà mostrato un video introduttivo riguardo la storia del Casato dei Lupi e il perché sia stato aperto l’atollo ai nostri eroi. L’atollo è prevelentemente abitato da Insonni, alcuni dei quali ci offriranno nuovi contenuti dedicati interamente al PvP, come i tornei settimanali, mentre altri prenderanno il posto di Xande 99-40, e che ci offriranno diverse taglie da andare a completare in giro per i vari mondi. Nell’atollo vi è una una veterana chiamata Petra Venj, la quale ci offirà le missioni del Casato dei Lupi, permettendoci di scovare e stanare i traditori, così da reclamare la vendetta. Da buoni giocatori, prima di fiondarci nelle missioni della storia, ci siamo dedicati all’esplorazione della nuova area Social, per vedere cosa ha da offrirci rispetto alla tanta amata Torre, nonché area standard social del gioco. Il nuovo spazio rispetto alla Torre è molto ristretto, ma offre tutto l’occorrente per i cacciatori di taglie e i fanatici dei tornei. Una volta finito di esplorere l’atollo, abbiamo deciso di iniziare la storia, che si divide in sole cinque missioni. Purtroppo, come il precedente DLC, le aree dello svolgimento sono quelle già usate per la storia principale, e quindi sarà un ripetersi di ambienti, con l’aggiunta di una storia di fondo veramente scadente, visto che oltre i dialoghi iniziali e qualcuno durante il gioco da parte della nostra guida, non ci sarà nulla ad accompagnare la narrazione. Il completamento della storia principale richiede solo una manciata d’ore, abbastanza semplice per un guardiano veterano.

destiny_house_of_wolves_queen

Visto che la storia non è delle migliori, abbiamo deciso di giocare alla Prigione degli Anziani, la punta di diamante, secondo Bungie, e sul quale ha puntato quasi tutto. Per chi non lo sapesse, la prigione degli anziani offre un nuovo equipaggiamento che permette di poter livellare fino a un massimo di 34. Purtroppo, come già è capitato nel gioco principale, il drop è veramente basso e per poter raggiungere il level cap richiesto ci vorrà del tempo, e ovviamente una pazienza disumana. Tutto sommato la prigione degli anziani riesce a tenere a bada le lacune della storia principale, offrendo ore di divertimento in compagnia di amici, visto che è la componente PvE più interessante finora introdotta.

destiny-casato-dei-lupi-dlc

Una volta sbloccate le prove di Osiride (in precedenza bloccate fino all’uscità del DLC), avremo bisogno di 100 lumen e una squadra di tre giocatori. Questa modalità è votata principalmente per i videogiocatori che amano il PvP, visto che richiederà una grande strategia, e parsimonia durante l’avanzamento di squadra, e dove una singola morte comporterà la sconfitta del nostro team. E’ una modalità dove il giocatore si trova a scommettere il tutto e per tutto, e che da una certa carica adrenalinica inaspettata, specie dopo la leggera delusione del comparto PvP del gioco.

Fireteam_HouseofWolves_1280-1421451810025

Questa espansione tutto sommato non è stata un disastro, forse è riuscita addirittura a raggiungere il traguardo che L’oscurità del profondo ha mancato, e pure di tanto. Nonostante le sbavature delle quest principali, tipiche del gioco, Il Casato dei Lupi ci offre diverse opportunità e diverse ore di gioco. Ottima pure la mossa di aumentare il level cap, visto che ora ogni guardiano punta al livello massimo, cercando anche di potenziare ancor più il proprio equipaggiamento, e raggiungere il tanto agognato livello massimo. Speriamo che questa sia solo una delle tante situazioni dove Bungie riesce ad ascoltare in modo positivo i fans, donando loro quel che realmente vogliono, raggiungendo così una giocabilità perfetta e adatta ad ogni giocatore.

Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com