World of Warcraft: Warlords of Draenor – Recensione

warlords-of-draenor-1920x1200
World of Warcraft è sicuramente una pietra miliare del mondo videoludico ma soprattutto del genere MMO, un genere amato ed odiato allo stesso tempo dal popolo dei videogiocatori. Il titolo Blizzard infatti da anni spopola tra migliaia di gamers nel mondo, e tra alti e bassi ha saputo difendersi sempre da numerosi rivali che sinora hanno provato a spodestarlo dal podio. Quella che andiamo a valutare ora è l’ultima espansione di questo titolo, Warlords of Draenor, che si presenta con l’arduo compito di riportare in auge il brand mostrando molte novità, in quanto ultimamente gran parte della community ha dimostrato di non apprezzare più fino in fondo il titolo come invece accadeva fino a pochi anni fa.

Titolo: World of Warcraft: Warlords of Draenor
Sviluppatore: Blizzard Entertainment
Publisher: Blizzard
Genere: Gioco di Ruolo
Piattaforma: PC
Localizzazione: Inglese, sottotitolato in italiano

La storia ricomincia?
Questa nuova espansione è un tuffo nel passato, e porta i giocatori tra le lande di Draenor al fine di sconfiggere i Signori della Guerra per far si che gli eventi futuri (ossia del presente) rimangano inalterati. Questo incipit non è sicuramente tra i più originali, ma ha dato la possibilità a Blizzard di ampliare ulteriormente il già vasto mondo di World of Warcraft e di ricreare ambientazioni inedite con il suo solito stile inconfondibile. Non vogliamo raccontarvi dettagli sul filone narrativo che segue questa espansione, ma possiamo sicuramente dirvi che la software house ha messo come al solito il massimo dell’attenzione anche sulla trama, offrendo una storia dai molti spunti e dalle mille sfaccettature che spingeranno il giocatore più incallito ad addentrarsi il più possibile nelle nuove terre per scoprire dettagli sempre più approfonditi sui Signori della Guerra.

DUZXEJ6825VV1408059653688
Le novità che espandono!
Come già sicuramente saprete, ogni espansione di World of Warcraft offre un level cap sempre più alto e questa Warlords of Draenor non è da meno dando la possibilità di raggiungere il centesimo livello.
Ma la novità più accattivante del gameplay è l’introduzione delle roccaforti, dei veri e propri quartier generali che ogni giocatore dovrà man mano potenziare per gestire delle pratiche commerciali in grado di ampliare le proprie ricchezze, che potremo spendere per ingrandire ulteriormente la nostra base fino a farla diventare un vero e proprio castello. Queste basi ospiteranno anche alcuni NPC che potremo inviare in alcune battaglie che, se vinte, ci ricompenseranno con risorse sempre più cospique.
Prima di affrontare queste battaglie potremo vedere quali saranno i punti deboli dei nemici da affrontare e, i nostri mercenari, avranno dalla loro alcune caratteristiche che se ben gestite saranno in grado di sopraffare gli avversari con minor difficoltà. Queste missioni si concluderanno semplicemente con lo scadere di una tempistica preimpostata, senza che dovremo far nulla di attivo per interagire con esse. Una volta terminate verremo informati sull’eventuale vittoria o sconfitta e, in caso positivo, dovremo andare a raccogliere la nostra meritata ricompensa.
Warlords of Draenor ha dalla sua anche l’introduzione di otto nuovi dungeon, tutti molto diversificati e dalla giusta dose di difficoltà che permette anche ai meno esperti di portarli a termine. In queste ultime espansioni infatti si è notato come Blizzard abbia voluto diminuire il livello di difficoltà dei raid per permettere ad un pubblico maggiore di affacciarsi su questo brand, a differenza del passato dove per poter affrontare alcuni boss era necessario l’affiancamento di una gilda ben organizzata e di un equip già di base degno di nota. Questa scelta viene sicuramente apprezzata dai più, ma coloro che riescono a goderne a pieno sono i giocatori che non riescono a dedicare molto tempo al titolo e che, grazie a questa inversione di marci, con poche ore di gioco riusciranno comunque a vedere i giusti risultati.

maxresdefault
Graficamente pochi cambiamenti
World of Warcraft ha ormai alle spalle molti anni dalla sua prima uscita e il livello grafico di questo titolo ha subito dei cambiamenti nel tempo, ma non così sostanziali da farlo avvicinare alla grafica ormai considerata da next-gen. Lo stile cartoonesco è sempre rimasto invariato, con personaggi un pò deformed ed i colori abbastanza sgargianti. Quella che però è stata migliorata nel tempo è senza ombra di dubbio la quantità di dettagli a schermo, fino ad arrivare a questo WoD che da questo punto di vista mostra le unghie anche nei confronti dei titoli più recenti e che offre un impatto stilistico di tutto rispetto, caratteristica al quale Blizzard ci ha ormai abituato da tempo.
Ad essere migliorati sono stati anche alcuni effetti grafici, tra cui l’acqua e gli effetti di luce ora molto più realistici. Le città e le terre da esplorare, sempre molto vaste, fan si che si noti ancor di più la quantità di lavoro svolta dal team di sviluppo che ancora dopo molti anni riesce a realizzare mondi voluminosi senza incappare in eccessive ripetitività di stile e di paesaggi.

Conclusioni
Tirate le somme possiamo concludere dicento che Warlords of Draenor è un’espansione che porta con sè molte novità e le va ad inserire nel già vastissimo mondo di World of Warcraft senza sbilanciare troppo il già collaudato gameplay. Blizzard ha quindi deciso di ampliare notevolmente l’esperienza di gioco di questo famosissimo MMO cercando di accontentare la maggior parte dei giocatori, grazie a proposte che spaziano sotto più fronti e che riescono a rendere il gioco più godibile anche a chi ha meno ore di tempo da poter dedicare a questo titolo.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.